28/11/2021rovesci di pioggia

29/11/2021sereno

30/11/2021poco nuvoloso

28 novembre 2021

Castelfranco

Catuzzo sembra voler fare un passo indietro sull'area camper di Monfumo

Il suo progetto iniziale era modesto e sostenibile, quindi non si capisce come sia potuto diventare poi così ambizioso

| Maria Elena Tonin |

immagine dell'autore

| Maria Elena Tonin |

municipio di Monfumo

MONFUMO - E' amareggiato Enrico Cattuzzo, proprietario del terreno dove dovrebbe sorgere l'area camper di Monfumo, all'altezza del civico n. 29 di via Longon. Il condizionale è d'obbligo, perché, seppure la variante di approvazione è passata in Consiglio comunale, il signor Catuzzo sembra voler fare un passo indietro e da qualche giorno sul terreno è comparso il cartello "vendesi". "Mi hanno dipinto come la peggiore delle persone, senza curarsi di valutare quale fosse in realtà il progetto" si sfoga Cattuzzo "condannando senza esitazione e senza fare neppure una domanda. La cosa più pesante sono stati proprio i vicini che mi hanno tolto il saluto da un giorno all'altro, senza darmi il beneficio del dubbio e senza chiedermi nulla. Io vivo qui da sempre e amo il mio paese e mi fa male questo clima di tensione."

Il racconto a questo punto si divide. Due idee di piazzola che nulla sembrano aver a che fare l'una con l'altra. "Proprio questo è il punto: cosa si intende con area camper." Spiega Cattuzzo, camperista anche lui. Ci racconta di un progetto partito tre anni fa, al ritorno da un viaggio a Montalcino, in Toscana: "Avevo pensato ad un piazzale senza allacciamenti, per pochi camper. Sarebbero stati al massimo 5 e non 12/15 come detto, con alberi davanti e un giardinetto. La mia idea è ad impatto ambientale zero, come le piazzole che ho visto in molte parti della Toscana, situate in luoghi meravigliosi, come è Monfumo, ma con strade ben più impervie di questa."

"Il turismo a Monfumo è questo, fatto di pochi numeri con la risorsa più importante che abbiamo: il paesaggio. Siamo vicini ad Asolo e Possagno e il nostro turismo è fatto di bici e passeggiate: perchè non dare questa opportunità a qualche turista? Ripeto: sono i numeri stessi di Monfumo che parlano di rispetto. E perchè non dare anche al paese una possibilità diversa? Non siamo nella parte franosa di Monfumo" sottolinea infine Cattuzzo "ho chiamato a mie spese i tecnici della regione a fare un sopralluogo e la risposta è stata positiva. A questo punto però, sono io che non voglio più andare avanti, sono molto amareggiato e penso che avremmo potuto discuterne in modo diverso."

"Molti hanno scelto di abitare a Monfumo lasciando la città, ma non vuol dire che qui debba stare immobili e che non si possano fare attività: io voglio lasciare un mondo pulito ai miei figli. L'area camper per 15 piazzole la costruiscano pure nell'area ex Quadrifoglio: non è questo il mio progetto." Abbiamo contattato il sindaco, Luciano Ferrari, ma non ha voluto rilasciare dichiarazioni in merito alla variante approvata nell'ultimo consiglio comunale.

 

LEGGI ANCHE:

"Così come l'hanno presentata, l'area camper è assurda"

 


| modificato il:

foto dell'autore

Maria Elena Tonin

Leggi altre notizie di Castelfranco
Leggi altre notizie di Castelfranco

Dello stesso argomento

immagine della news

25/07/2021

"Pastasciutta antifascista" a Ca Corniani di Monfumo

Tante le personalità intervenute: Giuliano Varnier, presidente dell'Anpi di Treviso, Alessadra Gava, segretario generale del Sunnia, Michele Seno segretario provinciale di Articolo 1 e Rodolfo De Paoli già sindaco di Monfumo

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×