28 novembre 2020

Cultura

«Riaprite biblioteche e archivi». L’appello di docenti e ricercatori a Mattarella e al Governo.
«Riaprite biblioteche e archivi». L’appello di docenti e ricercatori a Mattarella e al Governo.

Oltre duemila tra docenti, ricercatori e dottorandi chiedono di poter svolgere le proprie ricerche in biblioteche e archivi, nel rispetto delle regole anti-contagio.

«Riaprite biblioteche e archivi». L’appello di docenti e ricercatori a Mattarella e al Governo.

| Leonardo Sernagiotto |

Docenti e ricercatori chiedono alle massime istituzioni italiane di poter svolgere il proprio lavoro in archivi e biblioteche, attenendosi ai medesimi protocolli igienico-sanitari applicati alle altre attività lavorative in presenza che non possono essere sostituite con il "lavoro agile".

...

"Misure drastiche subito", appello scienziati a Mattarella e Conte

Dare "piena adesione alla richiesta" del presidente dei Lincei, Giorgio Parisi "di assumere provvedimenti stringenti e drastici nei prossimi due o tre giorni" per "evitare che i numeri del contagio in Italia arrivino inevitabilmente, in assenza di misure correttive efficaci, nelle prossime tre...

EDITORIALE – Quello che conta davvero
EDITORIALE – Quello che conta davvero

Divagazioni, senza pretese, sulle priorità della vita all’epoca del Covid-19

EDITORIALE – Quello che conta davvero

| Ingrid Feltrin Jefwa |

EDITORIALE - L’evento epocale della pandemia ha innescato timori e frustrazioni diffuse

Disabilità e scuole: dal 1977 non è cambiato nulla
Disabilità e scuole: dal 1977 non è cambiato nulla

Il calvario, tra incombenze e incognite, a cui sono costrette le famiglie che hanno un figlio disabile

Disabilità e scuole: dal 1977 non è cambiato nulla

| Roberto Grigoletto |

ITALIA - Incombe la DaD, e un tantino di terrore già serpeggia. Una gran fatica. C’è però chi ne ha fatta di più. Sì: la scuola da casa, per un disabile, è stata più dura assai.

BUONA DOMENICA. “La terra dei cachi” cantava Elio ma forse sarebbe più appropriato dire “La terra delle iniquità”
BUONA DOMENICA. “La terra dei cachi” cantava Elio ma forse sarebbe più appropriato dire “La terra delle iniquità”

Un racconto nell’Italia delle grandi contraddizioni che lascia l’amaro in bocca

BUONA DOMENICA. “La terra dei cachi” cantava Elio ma forse sarebbe più appropriato dire “La terra delle iniquità”

| Roberto Grigoletto |

ITALIA - Domenica mattina, nel centro di Treviso, con la compagnia. Tra la seconda e la terza settimana del primo mese dell’anno uno dell’era Covid. “Raga, ancora nove mesi e siamo all’università” – se ne esce uno. Per darsi coraggio si guarda avanti. “E che vai a fare?” – di rimando, un altro....

"Una narrativa inferiorizzante che accosta la pelle nera alla sporcizia. E’ inaccettabile"

"Sei sporca o sei nera", nuova bufera su libro scolastico

ITALIA - "Sei sporca o sei tutta nera?". Recita così la vignetta pubblicata su un libro di testo per alunni delle elementari

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×