10 luglio 2020

Castelfranco

A Castelfranco 5 tonnellate di cibo ai poveri con la “spesa sospesa”

Un risultato grandioso che ha indotto i promotori ad ampliare l’iniziativa

| Ingrid Feltrin Jefwa |

immagine dell'autore

| Ingrid Feltrin Jefwa |

Spesa sospesa

CASTELFRANCO – La raccolta di cibo promossa da TEDxCastelfrancoVeneto, Protezione Civile e Coordinamento del Volontariato e gestita dalla Caritas cittadina ha fruttato ben 4.800 kg di cibo destinati ai più bisognosi. L’idea della “spesa sospesa” si è quindi rivelata un successo ed ha permesso di raccogliere non solo generi di prima necessità ma anche prodotti per l’igiene ed altri destinati all’infanzia. Una notizia molto positive alla quale però si associa l’aumento esponenziale della povertà come spiegano gli stessi promotori nel loro report su quanto fatto.

“Quanto raccolto è stato distribuito attraverso la Caritas: 120 i nuclei familiari raggiunti dal servizio. Una prima consegna è stata svolta nelle giornate di lunedì 20 e martedì 21 aprile a domicilio; in seguito la Caritas ha ripreso la normale distribuzione settimanale presso la sua sede. Il dato relativo ai beneficiari del servizio mostra un aumento notevole di persone che vivono situazioni di disagio a causa dell’emergenza coronavirus; infatti il numero di persone residenti a Castelfranco che beneficiano della spesa fornita dalla Caritas sono arrivate oggi a più di 350 a seguito di un aumento di circa il 100% rispetto alla condizione di normalità precedente all’emergenza”.

Tante le realtà produttive del comparto alimentare che si sono rese disponibili elargendo furniture che si sono aggiunte ai prodotti che migliaia di cittadini hanno donato con la “spesa sospesa” andando a fare compere. Ma oltre a donare generi di consumo alcuni hanno voluto contribuire anche con degli altrettanto preziosi buoni spesa. Ecco le aziende che hanno fatto la loro parte: Fraccaro, Pettenon Cosmetics, Integrus, Molino Cosma, Master Gnocchi, Panificio Zizzola, Panificio Zuanon, Panificio Zanin, Menz&Gasser, Agostini Elio, Coop, Prix Quality, Caseificio Migali, Bottega della Carne, Pasticceria Costa, Ortofrutta Squizzato, Iper che ha ripreso la donazione di prodotti freschi, la Bottega di Borgo Pieve ed il Lions Club che hanno contribuito fornendo alla Caritas dei buoni spesa spendibili nei prossimi mesi.

“L’aiuto di queste aziende è un fattore essenziale per la riuscita del servizio e pertanto la Caritas invita chi ne avesse la possibilità a collaborare con l’associazione per garantire una spesa di qualità. Inoltre, diversi cittadini hanno contribuito personalmente recapitando direttamente alla Caritas alcuni prodotti – spiegano i promotori che precisano -. L’iniziativa è stata allargata anche a farmacie e parafarmacie, nelle quali si potranno raccogliere medicinali di categoria C e prodotti per la medicazione, e due negozi che trattano articoli per la casa e l’igiene della persona. Nei negozi coinvolti è esposta una locandina che indica i prodotti consigliati dalla Caritas per la raccolta”.

Se “Spesa Sospesa” è stata un successo va riconosciuto anche che diversi cittadini si sono attivati in modo spontaneo, per delle iniziative solidali. In particolare, il quartiere Abruzzo, con l’iniziativa “se puoi metti, se non puoi prendi”, ha predisposto un carrello dove poter donare dei prodotti o prenderne in caso di necessità. A partire dal primo maggio sono stati raccolti circa 150kg, gran parte donati alla Caritas. “Siamo contenti della risposta all’iniziativa della “spesa sospesa”: nonostante il momento di emergenza, i castellani si sono dimostrati presenti e solidali verso i propri concittadini – concludono i promotori -. Confermiamo la nostra totale disponibilità ad estendere il supporto a chi altro ne avesse bisogno contattando i numeri indicati sulle locandine. Le richieste verranno gestite con assoluta riservatezza e discrezione”.

Ecco la lista delle attività aderenti. Ad oggi, 18 gli alimentari e i supermercati che aderiscono al progetto: Alì, Alimentari Mazzon (San Floriano), Bar e Bottega (Bella Venezia), Bottega di Borgo Pieve, Cadoro, Campoverde, Coop, Cooperativa San Bovo, Crai F.lli Basso, Didonè Luigia (Salvatronda), Dpiù, Iper, Maxì (Borgo Padova), Maxì (Campigo), Naturasì, Pivato Antonio (Treville), Prix, Superloria. Ben 12 le farmacie aderenti all’iniziativa solidale: Farmacia ai due angeli, Farmacia alla Fonte della Salute, Farmacia alla Gatta, Farmacia alla Madonna, Farmacia alla Torre, Farmacia Dr Fabbian, Farmacia Monti all’Aquila Reale, Farmacia Monti Salvarosa, Farmacia Sant’Antonio, Parafarmacia Bertolin, Parafarmacia Furlanetto, Parafarmacia Pivetta. Due i negozi di articoli per la casa e l’igiene personale: Acqua e Sapone, Risparmio Casa. Alla pagina web oggiaperti.it/spesasospesa si può trovare una lista sempre aggiornata delle attività coinvolte.

 



foto dell'autore

Ingrid Feltrin Jefwa

Leggi altre notizie di Castelfranco
Leggi altre notizie di Castelfranco

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×