27 gennaio 2020

Montebelluna

Casse di espansione Ciano: “Bottaccin rilegga le carte, le alternative ci sono e sono indicate dal Governo”

La parlamentare Sara Cunial invia a tutti copia del Piano stralcio per la sicurezza idraulica dove si legge che Ciano non è l’intervento più indicato per le fronteggiare le piene del Piave

Ingrid Feltrin Jefwa | commenti |

immagine dell'autore

Ingrid Feltrin Jefwa | commenti |

Piano stralcio per la sicurezza idraulica del Piave

FOTO: estratto del Piano Stralcio dell'Autorità di Bacino dell'Alto Adriatico

 

CROCETTA DEL MONTELLO – Lo stanno dicendo in molti da tempo che la Grave di Ciano non sono mai state in vetta alle soluzioni in materia di sicurezza idraulica, per le popolazioni del Piave, ma ora sulla questione la deputata Sara Cunial del gruppo misto (nonché membro della Commissione Ambiente) pubblica e invia a tutti copia del Piano Stralcio dell’Autorità di Bacino dell’Altro Adriatico dove si legge a chiare lettere che la soluzione proposta è un’altra.

“Le affermazioni dell’assessore Bottacin, che continua a sostenere che il governo ad oggi non ha mai individuato una scelta alternativa alle casse di espansione a Ciano, dimostrano solo la sua mancanza di contezza su quanto già descritto nel Piano stralcio per la sicurezza idraulica del medio e basso corso presentato ed approvato dal Consiglio dei Ministri – afferma Cunial -. Piano formato e redatto dopo lunghi anni di studi dall’Autorità di Bacino con precise indicazioni sulle modalità di intervento nel medio basso corso del Piave e adottato anche nel successivo documento redatto nel 2012 e pubblicato nel 2013 Piano stralcio per l'assetto idrogeologico dei bacini idrografici dei fiumi Isonzo, Tagliamento, Piave e Brenta-Bacchiglione”.

“Il piano stralcio individua esattamente dove fare le casse di espansione dando una priorità determinata da dati tecnici elaborati dalla Autorità di Bacino – continua Cunial –. L’analisi delle priorità è perfettamente descritta nel documento approvato dal Governo e pare stranissimo che l’assessore Bottacin non lo conosca. In relazione a quanto riportato, è possibile individuare ben quattro possibili soluzioni, che in ordine di preferibilità, vedono al primo posto Ponte di Piave. Questo per rimarcare ancora una volta come il governo, al contrario di quanto dichiara l’assessor Bottacin, abbia indicato dettagliatamente e con dovute motivazioni i siti alternativi”.

Quindi le conclusioni dell’onorevole Sara Cunial che afferma: “Non si capisce quindi per quali ragioni tecniche ora si debba preferire il bacino di Ciano rispetto alle indicazioni definite dell’Autorità di Bacino. Se poi si conviene sul fatto che non sono le viti del basso Piave un impedimento e l’escavazione delle ghiaie di Ciano un incentivo, se è vero come dice l’Assessore che “scavare materiale litoide oggi rappresenta un costo, non un interesse per qualcuno”, non si capisce per quale ragione si scelga un sito contro le chiare indicazioni del progetto votato dal Governo”.

 

 



foto dell'autore

Ingrid Feltrin Jefwa

Leggi altre notizie di Montebelluna
Leggi altre notizie di Montebelluna

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×