24/05/2022parz nuvoloso

25/05/2022pioggia debole e schiarite

26/05/2022parz nuvoloso

24 maggio 2022

Mogliano

Cartello con doppia S nazista: la protesa “no green pass” davanti alla scuola di Mogliano

Protagonista un genitore moglianese. Ceschin: “È inaccettabile e pericoloso, non rimaniamo indifferenti”

| Manuel Trevisan |

immagine dell'autore

| Manuel Trevisan |

La protesa “no green pass” davanti alla scuola di Mogliano

MOGLIANO VENETO – La scritta “green pass, no grazie, è incostituzionale” e la doppia S stilizzata con i simboli runici delle SS. È quanto si legge sul cartello che da alcune settimane un genitore indossa come fosse una maglietta mentre accompagna il figlio alla scuola Verdi di Mogliano Veneto.

A denunciare l’accaduto è Daniele Ceschin, consigliere comunale di minoranza e docente di storia: “Io stesso ho assistito alla scena che si ripete puntualmente ogni mattina, la quale ha infastidito molti genitori, o almeno quelli che conoscono il significato della doppia S stilizzata. Abbiamo già segnalato l’episodio alla Polizia Locale, ma difficilmente si potrà fare qualcosa. Esprimere le proprie posizioni è legittimo, farlo in questo modo non solo è sbagliato ma è anche pericoloso.

Peraltro, ciò accade davanti a una scuola che fa parte di un Istituto intitolato a Marta Minerbi, maestra ebrea esclusa dall’insegnamento nel 1938, il cui marito, Alessandro Ottolenghi, anche lui docente ebreo, è stato deportato con lo stesso convoglio di Primo Levi ed è morto ad Auschwitz nel febbraio del 1944”.

Già qualche tempo fa, quando le piazze iniziavano a riempirsi di “no vax” e “no green pass” intenti ad inneggiare alla libertà di scegliere di non vaccinarsi per non incorrere alle discriminazioni subite dagli ebrei durante la Shoah, era intervenuta l’Associazione Nazionale Ex-Deportati nei campi nazisti.

Parole che, a un mese circa dalla Giornata della Memoria, è bene tenere a mente: “confondere realtà tanto diverse è offesa alla memoria di milioni di uomini, donne e bambini che a causa delle scelte criminali del fascismo e nazismo furono umiliati, torturati, deportati e barbaramente uccisi perché non considerati degni di vivere in nome di una ideologia politica razzista, omofoba, violenta e totalitaria. Abbiate rispetto di quegli uomini e quelle donne che ancora portano sulla propria pelle e nel proprio animo i segni di quelle inenarrabili violenze”.

 


| modificato il:

foto dell'autore

Manuel Trevisan

Leggi altre notizie di Mogliano
Leggi altre notizie di Mogliano

Dello stesso argomento

immagine della news

03/04/2022

BUONA DOMENICA Quando il modo ancor ci offende

I docenti no vax sono rientrati in servizio ma non per svolgere il proprio lavoro. Un precedente preoccupante ma soprattutto un messaggio diseducativo se passa l'idea che "vince il più furbo".

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×