04/07/2022poco nuvoloso

05/07/2022pioggia debole e schiarite

06/07/2022possibili temporali

04 luglio 2022

Mogliano

Cartello con doppia S nazista a Mogliano: "No all’uso strumentale della storia a fini propagandistici"

Giuliana Marton dell'ANPI richiama tutti al raziocinio e alla serietà

| Manuel Trevisan |

immagine dell'autore

| Manuel Trevisan |

L'ANPI Mogliano interviene sulla vicenda

MOGLIANO VENETO – Mogliano non è rimasta indifferente, proprio come sperava il consigliere comunale Daniele Ceschin dopo aver denunciato i ripetuti episodi avvenuti davanti alla Scuola Primaria Giuseppe Verdi, dove un papà moglianese da alcune settimane accompagna la prole indossando come fosse una maglietta un cartello con la doppia S stilizzata con i simboli runici delle SS in segno di protesta contro il green pass. Dopo il sindaco Davide Bortolato, a prendere parola è Giuliana Marton, presidente dell’ANPI Mogliano Veneto “Maria Braut”, che richiama tutti al raziocinio e alla serietà.

“Di fronte all’emergenza creata dalla pandemia la priorità è stata quella di tutelare la salute di tutti con scelte assunte nel rispetto delle procedure democratiche e in accordo con le indicazioni delle autorità sanitarie nazionali e internazionali – commenta Giuliana Marton -. Purtroppo, l’uso strumentale della storia a fini propagandistici non si limita a questo singolo episodio.

Ricordiamo le parole della senatrice Liliana Segre che ha considerato i paragoni tra la persecuzione subita dagli ebrei durante la Shoah e l’introduzione del green pass visti nelle piazze dei no vax come ‘follie’. Il direttivo dell’ANPI “Maria Braut” Mogliano Veneto ritiene che questo uso strumentale dei simboli vada severamente condannato perché inaccettabile e privo di fondamento storico.

Gesto ancora più grave per il luogo e i soggetti coinvolti: una scuola dell’Istituto Comprensivo intitolato a Marta Minerbi, direttrice didattica espulsa dalla scuola in seguito alle leggi razziste del 1938 in quanto ebrea. Il modo migliore per combattere queste distorsioni è quello di costruire una cultura storica capace di analizzare il presente e di conservare viva la memoria del passato”.

Grazie, allora, ancora una volta, all’ANPI, che si fa custode di una memoria che, talvolta e per alcuni, sembra essere sfocata. Oggi più che mai ce n’è veramente bisogno.

 


| modificato il:

foto dell'autore

Manuel Trevisan

Leggi altre notizie di Mogliano
Leggi altre notizie di Mogliano

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×