23 aprile 2021

Valdobbiadene Pieve di Soligo

Caricato da un toro in amore!

|

|

angelo dazzi il quindicinale

E come la mettiamo col fulmine assassino che fece strage di vacche, pecore e maiali? Racconti e storie vere tra il Fais e il Visentin, raccolte da Giovanni Carraro, ci vengono riproposte…come fosse ieri. I protagonisti di una vita di stenti tra malghe e montagne, tra il Fais e il Visentin, testimoniano che no, non si stava meglio una volta (come qualcuno vorrebbe sostenere).

 

Che il lavoro, soprattutto in aree tuttora marginali rispetto ai centri urbani, era fatica. Mal pagata. Che il nemico poteva essere un fulmine, che l’emigrazione era una necessità e la promessa - niente affatto mantenuta - di una vita migliore. Che la nostalgia spesso aveva la meglio e tornare “a casa” era un desiderio irrinunciabile. L'articolo nel numero del Quindicinale in uscita in questi giorni. 

 

Da quest'anno puoi acquistare anche la copia digitale del Quindicinale da sfogliare online.

 



Leggi altre notizie di Valdobbiadene Pieve di Soligo
Leggi altre notizie di Valdobbiadene Pieve di Soligo

Dello stesso argomento

immagine della news

22/03/2021

Quei benedetti social!

Li chiamano Quelli della generazione online, perché sono iperconnessi. E a volte iperseguiti. Noi li abbiamo “rincorsi” per voi

immagine della news

09/03/2021

Il futuro è chiocciola

Professione: allevatrice di chiocciole. Alessia Dei Cont ha puntato su un mollusco piccolo così. Preziosissimo e sorprendente.

immagine della news

23/02/2021

La “roulette” di Sara

Un giorno è sufficiente per sconvolgere la vita di una ragazzina, ma la forza emerge nelle situazioni di difficoltà

immagine della news

21/02/2021

Un anno di pandemia

Tra smarrimenti, incertezze, preoccupazioni sono trascorsi 12 mesi dal primo lockdown. Come è stato vissuto?

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×