26 febbraio 2020

Montebelluna

Carenza aule: il Liceo Veronese riesce a scongiurare la settimana corta

In vista della ristrutturazione gli studenti saranno dislocati in tre sedi

commenti |

commenti |

liceo veronese

MONTEBELLUNA Il Liceo Veronese di Montebelluna si organizza per il prossimo anno scolastico: scongiurata la settimana corta. Non è stato per nulla facile, ma grazie alla collaborazione fra scuola, Comune, Provincia, Istituto comprensivo 1 e parrocchia del Duomo l’istituto “Angela Veronese” nell’anno scolastico 2019/2020 riuscirà a garantire ad alunni e personale un’organizzazione tale da salvaguardare il più possibile le esigenze di tutti, senza ricorrere, appunto, alla settimana corta, inizialmente prospettata.

 

Il problema si è presentato per la chiusura, dalla prossima estate, della sede succursale dell’istituto oggetto di importanti lavori di ristrutturazione per adeguamento sismico e la conseguente necessità di redistribuire in altri spazi una parte consistente degli alunni. Questi saranno dislocati in tre sedi: la sede centrale di viale Della Vittoria (presumibilmente liceo linguistico, economico sociale, parte dell’artistico), il centro parrocchiale vicino al Duomo (liceo delle scienze umane), la scuola media Papa Giovanni (due classi dell’artistico).

 

“In un primo momento sembrava che sarebbe stato impossibile usufruire delle aule della parrocchia il sabato mattina – fanno sapere dal Liceo Veronese -. Di qui la scelta di riorganizzare l’orario introducendo la settimana corta. Ciò però avrebbe provocato serie difficoltà soprattutto per gli alunni che abitano in località in cui i collegamenti con Montebelluna sono meno agevoli. Di conseguenza, sono stati avviati dei contatti fra le parti e, con estrema disponibilità, il prevosto della Parrocchia del Duomo Don Antonio Genovese ha concesso l’utilizzo delle aule anche il sabato mattina. La Dirigente Scolastica, con il supporto del Sindaco Marzio Favero, si è impegnata nella ricerca di uno spazio alternativo per garantire la catechesi del sabato mattina, che potrà quindi svolgersi presso i locali della Scuola P. Bertolini, il cui stabile è di proprietà del Comune di Montebelluna concesso in comodato gratuito alla Coop. Sociale P.Bertolini”.

 

“La settimana corta – spiega la dirigente scolastica Rosita De Bortoli - resta un’opportunità da valutare in prospettiva futura. In questa fase, però, avrebbe comportato troppi disagi per gli alunni. Ringrazio Don Antonio e tutti coloro che ci hanno consentito di arrivare a una soluzione meno traumatica, in particolare il sindaco Marzio Favero e la dirigente dell’istituto comprensivo Serena Aiello. La situazione non è semplice, ma grazie a tutti mi sembra che la stiamo affrontando nel migliore dei modi”.

 

Leggi altre notizie di Montebelluna
Leggi altre notizie di Montebelluna

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×