28 marzo 2020

Vittorio Veneto

Caos Piazza Meschio, Tonon attacca Da Re: "Alleato della burocrazia, principale oppositore della Piazza"

Dichiarazioni al vetriolo del sindaco dopo il consiglio comunale di ieri sera

| Roberto Silvestrin | commenti |

immagine dell'autore

| Roberto Silvestrin | commenti |

Caos Piazza Meschio, Tonon attacca Da Re:

VITTORIO VENETO - E’ un day after al veleno dopo il consiglio comunale di ieri sera.

 

All’indomani del blackout della maggioranza, finita sotto con i numeri durante il voto sul piano triennale delle opere pubbliche, sono arrivate le dichiarazioni al vetriolo del sindaco Roberto Tonon, a cui non è andato né giù il ritiro del punto su Piazza Meschio né – ovviamente – l’impasse della maggioranza al momento di inserire i lavori per l’eterna incompiuta nel piano delle opere.

 

"Si tratta di un'opera che è parte integrante del nostro piano programmatico – dichiara Tonon - Piazza Meschio, per la prima volta dopo dieci anni di inutili attese per colpa di Zurich e Edilvi, veniva inserita da questa amministrazione comunale nel piano delle opere pubbliche con l'evidente volontà di risolvere finalmente la questione e di vederla realizzata. Chi ha votato “no” non vuole Piazza Meschio o non vuole che venga fatta in tempi brevi.

 

Chi ha votato “no” si assumerà le responsabilità della propria scelta". E il primo cittadino non ha risparmiato un attacco al segretario nazionale della Lega Nord e consigliere comunale Gianantonio Da Re, che con la sua mozione, ieri sera, ha fatto rinviare la discussione del punto su Piazza Meschio alla prossima seduta.

 

Nella delibera infatti erano citate delle missive tra Zurich ed Edilvi, su cui c’è un vincolo di riservatezza. Impossibile quindi, secondo Da Re, discuterne apertamente di fronte alle telecamere che in streaming trasmettono il consiglio.

 

A questo si aggiunge il fatto che questi documenti, a tutti gli effetti degli atti, sono stati depositati solo martedì: il regolamento prevede invece che siano depositati 4 giorni prima del consiglio comunale.

 

“Ogni giorno lo ascoltiamo sproloquiare contro la burocrazia romana – attacca Tonon - Ma ieri sera è uscito allo scoperto e si è alleato con la burocrazia, dimostrandosi definitivamente il principale oppositore di Piazza Meschio".

 



foto dell'autore

Roberto Silvestrin

Leggi altre notizie di Vittorio Veneto
Leggi altre notizie di Vittorio Veneto

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×