06 luglio 2020

Vittorio Veneto

IL CANSIGLIO SU FACEBOOK

E’ nato il gruppo “Amici del Cansiglio”

| |

| |

IL CANSIGLIO SU FACEBOOK

Da Myspace a You Tube, da Flickr a Twitter, i social network, essenzialmente, hanno un concetto chiave: condividere (in tempo reale). Questa - pare - è la scelta vincente, se sfruttata a dovere, per chiunque intenda farsi conoscere, e anche il Cansiglio, notizia di poche ore fa, approda su Facebook, in linea con quanto testimonia la stampa delle ultime settimane (e non solo), gravida di servizi su Facebook, sul web 2.0 e sull’incredibile impatto sociale dei social network, che conquistano un numero sempre maggiore di adepti.

Considerato tutto questo ambaradan tecnologico, irrinunciabile e incontenibile (se ci manca la connessione per qualche ora rischiamo una crisi di nervi), la foresta del Cansiglio non può non avere il suo alter ego digitale: ora, chiunque lo desideri, previa iscrizione a Facebook con pochi semplici click,  potrà diventare fan del gruppo "Amici del Cansiglio",  nato con lo scopo di diffondersi tra gli internauti, mettendo in contatto tutte le persone che amano il Cansiglio. Le Basic Info del gruppo, molto schematiche, esortano a “salvare il Cansiglio, difendere la foresta, proporre uno sviluppo sostenibile per consegnare alla generazioni future quello che abbiamo ricevuto dai nostri progenitori”. Per ora "Amici del Cansiglio" conta dodici membri, tre foto e tre wall posts (i commenti dei fan). Tra i related groups ci sono “Rolle Railz Park”, il curioso “Principato di Asiago” (iscrivetevi se siete a favore che l’altopiano diventi un principato), “...quelli che almeno una volta sono andati in vacanza a FIERA di PRIMIERO!”, “Corpo Musicale Folkloristico di Primiero” e “Amanti del Lagazuoi-Italia”.

Un ingresso nel mondo digitale, quello del gruppo "Amici del Cansiglio",  che avviene nel momento clou della frenesia da social network: pochi giorni fa il ministro Gelmini ha aperto un canale su You Tube, per avviare un confronto e accogliere idee e critiche sulla scuola e sull’università, e proprio la scorsa settimana è uscito in edicola “Il Fenomeno Facebook”, un volume di 128 pagine curato dalla redazione di Nòva24 del Sole 24 Ore, che analizza attraverso vari contributi il successo della più grande comunità in rete e del web 2.0. Dalla nascita del fenomeno Facebook alla maxi campagna virtuale di Obama, dalle istruzioni per l’uso dei social network ai rischi fino ai nuovi modelli di business, come quello dell’azienda americana Serena Software che ha deciso di usare la piattaforma come intranet: i dipendenti sono stati invitati ad aprire un profilo ed è stata istituita Facebook Fridays, iniziativa per la quale ogni venerdì un’ora di lavoro in azienda va dedicata all’aggiornamento del proprio profilo su Facebook (e se non basta a tutti è stato chiesto di vestirsi secondo la propria personalità).

Comunque sia, accanto a chi soffre d’ansia se non aggiorna ogni mezz’ora il suo profilo, c’è chi vorrebbe suicidare i suoi numerosi avatar digitali, stanco delle applicazioni inutili, delle friends request formulate da ignoti, del voyeurismo che massacra la vita privata.

Cinzia Agrizzi

 


| modificato il:

Leggi altre notizie di Vittorio Veneto
Leggi altre notizie di Vittorio Veneto

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×