28 febbraio 2021

Treviso

Il Canova di Treviso tra i primi dieci migliori licei classici d'Italia

La top ten della "Fondazione Agnelli". La Dirigente Ventura: "Vincente una preparazione a 360 gradi"

| |

| |

liceo canova a treviso

TREVISO - E’ tra i dieci migliori licei classici d’Italia. Il liceo-ginnasio “Antonio Canova” è nella top ten stilata dalla “Fondazione Agnelli” sulla base dei dati che compaiono nella piattaforma Eduscopio e pubblicati da “Tuttoscuola”. Liceo dall’età napoleonica (è stato istituito il 25 luglio 1807) il “Canova” è una delle istituzioni più prestigiose della città e della provincia di Treviso. Generazioni di studenti hanno occupato i banchi dell’imponente sede neoclassica (e quelli della succursale a partire dagli anni ’70 o nelle aule aggiunte in via del Galletto in tempi più recenti).

Milletrecentosettanta gli studenti (tra classico e linguistico). Centodieci i professori. Tradizione e innovazione sapientemente coniugate nell’offerta formativa del “Canova” che può vantare una specificità che si può ben dire unica nel panorama scolastico trevigiano: una preparazione a trecentosessanta gradi che – dati alla mano - garantisce il successo nel percorso universitario qualunque sia l’indirizzo intrapreso dopo aver conseguito il diploma. Differentemente da quanto si registra in altri licei classici, poco meno del trenta per cento prosegue con studi di tipo umanistico: giuridico ed economico gli ambiti più gettonati; ma anche quello medico-sanitario, tant’è che da anni è stato introdotto un apprezzato curricolo di potenziamento scientifico orientato alla facoltà di medicina.

Dirigente scolastico dal 2012 è la professoressa Mariarita Ventura, che sulla formazione integrale dei “canoviani” ha sempre puntato con determinazione. L’elevato numero di studenti diplomati la conferma nella convinzione che è una scelta giusta quella di lavorare con ragazzi dalle potenzialità diverse, assicurando a tutti di poter fruttificare i propri talenti. Non solo scuola dentro alle aule però: “Promuoviamo percorsi extra-curricolari, dedicando una attenzione particolare e continua all’orientamento in uscita anche con il contributo di esperti nei più diversi settori e avvalendoci delle risorse disponibili sul territorio”.

E motivo di orgoglio è pure per i rappresentanti di istituto frequentare uno dei più apprezzati licei classici italiani. Allegra Crisanti e Alessandro Busin sono al quarto anno (II C): “E’ una scuola che permette ai suoi studenti di esprimere il meglio di sé. Offre una preparazione che supera i contenuti delle discipline impartite: è cultura. Soprattutto veniamo aiutati ad affinare lo spirito critico” – evidenzia Allegra. Ad Alessandro preme evidenziare poi l’attenzione degli insegnanti a non lasciare indietro nessuno: “Corsi di recupero e di approfondimento, sia al ginnasio che al liceo, per colmare le carenze a gennaio e a giugno. Ma poi anche un elenco assortito di attività extrascolastiche e autogestite, davvero per tutti i gusti”.

 


| modificato il:

Leggi altre notizie di Treviso
Leggi altre notizie di Treviso

Dello stesso argomento

immagine della news

22/10/2020

E i genitori non stanno a guardare

Trasporti, didattica a distanza, chiusura degli istituti: la preoccupazioni dei presidenti dei Consigli di istituto trevigiani

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×