08/12/2021molto nuvoloso

09/12/2021pioggia debole

10/12/2021velature estese

08 dicembre 2021

Esteri

Campioni di roccia lunare arrivano sulla Terra

La Cina è il terzo paese nella storia a compiere l'impresa

| Richard Brewer |

immagine dell'autore

| Richard Brewer |

Campioni di roccia lunare arrivano sulla Terra

La missione di campionamento lunare cinese Chang'e-5 ha riportato con successo sulla Terra le prime nuove rocce lunari, rendendo la Cina solo il terzo paese nella storia a farlo.

 

Secondo la China National Space Administration (CNSA), il 17 dicembre all'1: 59, ora di Pechino, la capsula di ritorno è atterrata sulla Terra. La dea cinese della luna, Chang'e, sta giustamente festeggiando. Dopo aver eseguito un programma di "salto di rientro", rimbalzando una volta sull'atmosfera terrestre come una pietra che salta su uno stagno, per rallentare prima della discesa finale in superficie, il veicolo di ritorno cinese Chang'e-5 ha consegnato il suo carico di roccia lunare al area di atterraggio a Siziwang Banner, Mongolia Interna. La missione senza equipaggio Chang'e-5, la quinta e di gran lunga la più complessa fase del Programma di esplorazione lunare dell'Amministrazione spaziale nazionale cinese, è stata lanciata dalla Cina il 23 novembre ed è atterrata sulla Luna il 1 ° dicembre. Immediatamente ha iniziato a lavorare raccogliendo un po 'di terreno lunare superficiale e perforando 2 metri nella superficie per raccogliere campioni di roccia vulcanica sotterranea.

La raccolta è stata completata entro 24 ore e il 3 dicembre un campione di 2 kg di materiale lunare è stato trasportato nella navicella di risalita che si è sollevata dalla superficie lunare per entrare nell'orbita lunare 6 minuti dopo. Poi ci sono voluti due giorni per sincronizzare le orbite con il modulo orbiter / ritorno in attesa. Durante una stretta finestra di opportunità di 3,5 ore, la manovra di attracco è stata completata con successo, completando uno storico e difficile primo rendezvous robotico in assoluto e attraccando in orbita lunare il 5 dicembre. La capsula di ritorno del campione è stata trasferita al modulo di ritorno 30 minuti dopo l'aggancio.

Dopo aver orbitato intorno alla Luna per circa una settimana, regolando l'orbita da quasi circolare a ellittica e aspettando la stretta finestra temporale per la migliore traiettoria di ritorno, il campione ha iniziato il suo viaggio verso la Terra lunedì 14 dicembre. Infine, dopo aver completato il rientro nell'atmosfera terrestre, la capsula di ritorno si è paracadutata con un atterraggio nel nord della Cina il 17 dicembre all'1: 59 A.M. Ora di Pechino, consegna dei primi campioni lunari dal 1976. Trovare e recuperare la capsula dopo il suo atterraggio ha richiesto di superare le sfide del tempo rigido, della forte nevicata, dell'oscurità mattutina e delle piccole dimensioni della capsula di ritorno. La manovra di “salto rientro” ha reso difficile il controllo e ha determinato un'area di recupero particolarmente ampia. I dati radar elaborati sono stati inviati agli elicotteri e ai veicoli di ricerca e recupero per guidare la squadra che ha localizzato la capsula.

Questo risultato eccezionale rende la Cina la prima a riportare nuovi campioni lunari in oltre 44 anni. Raccolti nella regione dell'Oceanus Procellarum (Oceano delle Tempeste), una vasta pianura lavica formata da un'antica attività vulcanica, i campioni forniranno agli scienziati il ​​loro primo sguardo su quelli che dovrebbero essere i campioni più giovani finora raccolti, di appena 1,2 miliardi di anni. Ciò dovrebbe fornire ulteriori informazioni sulla storia geologica della luna e di altri corpi del sistema solare. I campioni raccolti dal programma Apollo della NASA degli Stati Uniti (1969-1972) e dal programma Luna 24 dell'Unione Sovietica del 1976 avevano un'età compresa tra 3 e 4 miliardi di anni. I campioni verranno analizzati per età e composizione in un laboratorio appositamente costruito a Pechino e si prevede che condivideranno i dati e alcuni campioni con la comunità scientifica mondiale, come è stato fatto con i campioni dei programmi Apollo e Luna 24. Un importante risultato tecnologico, gli scienziati, i tecnici e il team di gestione della missione cinese Chang'e-5 meritano elogi e congratulazioni per il difficile lavoro ben fatto!

In English

Moon rock samples delivered to Earth The Chinese Chang’e-5 lunar sample mission has successfully brought back to Earth the first new lunar rocks and soil in 44 years, making China only the 3rd country in history to do so.

According to the China National Space Administration (CNSA), on 17 December 1:59 a.m. Beijing time the return capsule touched down on Earth. The Chinese Moon Goddess, Chang’e, is justifiably celebrating. After performing a “skip reentry” program, bouncing once off the Earth’s atmosphere like a skipping stone on a pond, to slow down before final descent to the surface, the Chinese Chang’e-5 return vehicle delivered its cargo of lunar rock to the landing area in Siziwang Banner, Inner Mongolia. The un-crewed Chang'e-5 mission, the fifth and by far the most complex phase of the China National Space Administration’s Lunar Exploration Program, was launched from China on 23 November and landed on the Moon 1 December.

It immediately set to work scooping up some surface lunar soil and drilling 2 meters into the surface to collect underground volcanic rock samples. Collection was completed within 24 hours and on 3 December a 2 kg sample of lunar material was transported in the ascent spacecraft that lifted off from the Moon’s surface to enter lunar orbit 6 minutes later. It then took two days to synchronize orbits with the waiting orbiter/return module. During a narrow 3.5 hour window of opportunity the docking maneuver was successfully accomplished, completing a historic and difficult first-ever robotic rendezvous and docking in lunar orbit on 5 December. The sample return capsule was transferred to the return module 30 minutes after docking.

After orbiting the Moon for about a week, adjusting the orbit from near circular to elliptical and awaiting the narrow time window for the best return trajectory, the sample began its journey to Earth on Monday 14 December.

Finally, after completing Earth atmosphere reentry, the return capsule parachuted to a landing in north China on 17 December 1:59 A.M. Beijing time, delivering the first lunar samples since 1976. Finding and recovering the capsule after its landing required overcoming challenges of harsh weather, heavy snow, early morning darkness and the small size of the return capsule. The “skip reentry” maneuver made it difficult to control and resulted in a particularly large retrieval area. Processed radar data was sent to the search and retrieval helicopters and vehicles to guide the team that located the capsule. This outstanding accomplishment makes China the first to bring back new lunar samples in over 44 years. Collected from Oceanus Procellarum (Ocean of Storms) region, a vast lava plain formed by ancient volcanic activity, the samples will provide scientists their first look at what are expected to be the youngest samples yet collected, just 1.2 billion years old. This should provide additional insights into the geological history of the moon and other solar system bodies.

The samples collected by the U.S. NASA Apollo program (1969 - 1972) and the 1976 Soviet Union’s Luna 24 program were between 3 to 4 billion years old. The samples will be analyzed for age and composition in a specially constructed lab in Beijing and it is expected they will share the data and some samples with the world scientific community as was done with samples from the Apollo and Luna 24 programs. A major technological achievement, the Chinese Chang’e-5 mission scientists, technicians, and management team deserve high praise and congratulations for a difficult job well done!

 


| modificato il:

foto dell'autore

Richard Brewer

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×