24/05/2022possibili temporali

25/05/2022pioggia debole e schiarite

26/05/2022nubi sparse

24 maggio 2022

Treviso

BUONA DOMENICA Vietato leggere Harry Potter. Ma gli omofobi possono continuare a picchiare

In Ungheria, avanti di questo passo, si arriverà al rogo dei libri. Della legge Orbàn però non ci si indigna: in Italia fa problema il Ddl Zan, nonostante le continue aggressioni anche nei confronti di minorenni.

| Roberto Grigoletto |

immagine dell'autore

| Roberto Grigoletto |

BUONA DOMENICA Vietato leggere Harry Potter. Ma gli omofobi possono continuare a picchiare

TREVISO - Prima l’aggressione verbale: “Cagna, lesbica, schifosa, devi bruciare viva”. Poi dalle parole ai fatti: pugni, calci. È accaduto a Eva, 13 anni, l’ultimo giorno di scuola, a Torino. Ennesimo episodio di una serie interminabile e non più accettabile. Usciva da scuola Eva; a tracolla la sacca dei libri con i colori dell’arcobaleno.

Tanto è bastato (o piuttosto: così poco) perché il branco le fosse subito addosso, come il toro alla vista del drappo rosso. Coraggio ne devono avere, e tanto, i negazionisti dell’omofobia. Viltà invece ne hanno da vendere coloro che si trincerano strumentalmente dietro a un Codice invocato come panacea di tutte le ingiustizie. Gli episodi si moltiplicano, l’effetto alone è un dato di fatto. Le conseguenze, tragiche: suicidi di adolescenti e giovani. Colpevole ignorarli. Irresponsabile astenersi. Il Ddl Zan non può arrestarsi sul binario morto del rinvio sine die. Urge subito, serve adesso. Per evitare la restaurazione turca, come spiegava “La Stampa” sabato della settimana scorsa a proposito della proposta di legge Orbán: “Vuole vietare nelle scuole i programmi destinati a informare gli studenti sui temi Lgbt edi affrontare in classe il tema dell’omosessualità. Un po’ quello che fece l’alleata Polonia due anni fa con i programmi di educazione sessuale e perfettamente in linea con le sue zone Lgbt free, le zone libere da Lgbt”.

Ha commentato Andrea Tarquini su “La Repubblica”: “Immaginate di vivere in un paese europeo, membro dell’Unione europea e della Nato, dove non vi sarà concesso di vedere in tv episodi della serie “Harry Potter”, o di “Friends” o film come “Billy Elliot” e a “Normal family”. Perché? Semplicemente perché i rigidi censori locali potrebbero scegliere un’interpretazione severa delle leggi omofobe appena votate che vietano in ogni sede “la propaganda all’ideologia Lgbt+, malata, malsana e nemica del cristianesimo e dei valori della Nazione”. Stiamo parlando dell’Ungheria governata da Viktor Orbàn…. Andrà in scena di nuovo il rogo dei libri di triste memoria, in una versione adattata al terzo millennio.

BUONA DOMENICA

 


| modificato il:

foto dell'autore

Roberto Grigoletto

Leggi altre notizie di Treviso
Leggi altre notizie di Treviso

Dello stesso argomento

immagine della news

15/05/2022

BUONA DOMENICA Giù le mani... degli Alpini

All'Adunata di Rimini molestie verbali e fisiche: centinaia le denunce. Un'ombra pesante su uno dei sodalizi più amati d'Italia. Che ora ai suoi associati dovrebbe proporre corsi di educazione civica

immagine della news

01/05/2022

BUONA DOMENICA "Niente sesso, siamo inglesi"

Dall'affare Profumo, al principe Andrea fino al deputato appena scoperto durante una seduta a Westminster a guardare video porno dal cellulare: brutta bestia il sesso per gli inglesi

immagine della news

03/04/2022

BUONA DOMENICA Quando il modo ancor ci offende

I docenti no vax sono rientrati in servizio ma non per svolgere il proprio lavoro. Un precedente preoccupante ma soprattutto un messaggio diseducativo se passa l'idea che "vince il più furbo".

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×