11 aprile 2021

Treviso

Borgo Capriolo: "Controlli sugli assegnatari degli alloggi popolari"

La decisione dell'amministrazione dopo la sparatoria, Conte: "Chi non ha diritto di stare nelle case popolari sarà sfrattato”

| Isabella Loschi |

immagine dell'autore

| Isabella Loschi |

Mario Conte

TREVISO - La sparatoria avvenuta lunedì scorso a Borgo Capriolo a Treviso, riaccende i riflettori su una zona ai margini della città, problematica e di difficile gestione.

Un borgo dove spesso insistono situazioni di disagio, di difficoltà economiche e sociali. Ma la situazione venutasi a creare non è casuale bensì, come sottolinea Luigi Calesso di Coalizione Civica, “provocata dalle scelte politiche delle amministrazioni leghiste che hanno deciso di fare di un luogo della città l'angolo in cui concentrare le problematiche, quasi a volerle "nascondere" al resto della città, lasciando tutto sulle spalle dei residenti per bene interessati a migliorare la qualità della vita della zona in cui abitano”.

Alla luce di quest’ultimo grave episodio di violenza avvenuto lunedì pomeriggio, questa mattina in Prefettura si è svolto un vertice sicurezza, a cui hanno preso parte il sindaco Mario Conte, il Prefetto Maria Rosaria Laganà e il comandante della polizia locale Andrea Gallo. “Su Borgo Capriolo a breve organizzeremo una serie di controlli per verificare se le assegnazioni degli alloggi popolari corrispondono con chi abita nei vari appartamenti e capire se ci sono eventuali residenti abusivi”, spiega il sindaco Conte. “Chi non è assegnatario di alloggio Ater, e dunque non ha diritto di stare nelle case popolari sarà sfrattato”.

“Il nostro obiettivo è quello di tutelare le persone perbene che vivono a borgo Capirolo, che occupano regolarmente gli alloggi del comune e dell’Ater. Treviso - chiude Conte - non è una città da regolamento di conti. Noi continueremo a monitorare la situazione in attesa di capire gli sviluppi della giustizia sulla vicenda”.

 


| modificato il:

foto dell'autore

Isabella Loschi

Leggi altre notizie di Treviso
Leggi altre notizie di Treviso

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×