28/02/2024pioviggine

29/02/2024pioviggine

01/03/2024pioggia

28 febbraio 2024

Nord-Est

Blitz a San Marco: fermati italiani, denunciati per danneggiamento 

Il Sindaco: "Gesto gravissimo e vergognoso"

|

|

Blitz a San Marco: fermati italiani, denunciati per danneggiamento 

VENEZIA - Sono tutti italiani, giovani tra i 20 e i 34 anni, le persone fermate dalla Digos di Venezia. Gli attivisti saranno denunciati pe danneggiamento semprechè non si ravveda un'altra accusa nell'indagine coordinata dal pm lagunare Roberto Terzo. Dentro gli uffici della questura i sei sono tranquilli e avrebbero detto ai poliziotti 'noi siamo i soli fortunati a vedere ancora la Basilica di San Marco' e perorando le lotte sul clima hanno denunciato che "questo è l'ultimo campanello d'allarme". Secondo quanto si è appreso, da ambienti vicini agli inquirenti, la polizia ha sequestrato agli attivisti due estintori che sono stati modificati per poter spruzzare fango e altro liquido. 

Con un lungo comunicato i promotori di Ultima Generazione spiegano nei dettagli il gesto compiuto a Venezia. "Hanno poi srotolato lo striscione con scritto 'Fondo Riparazione' e un cartello con le foto dei dodici cittadini di Ultima Generazione che sono rimasti in carcere per tre giorni, dopo un blocco stradale a Fiumicino - si legge nel documento - prima di ricevere oggi la misura cautelare di obbligo di dimora". Nella nota si sottolinea che "le parole di Papa Francesco nei confronti dei Governi e delle élite del fossile non sono meno severe delle nostre, altrettanto lucida è la consapevolezza dello scenario di miseria e guerre che ci prospetta il futuro". Vengono poi riportate le frasi di uno dei responsabili del gesto. "Fede ha dichiarato durante l'azione: 'ho 17 anni ed anche oggi sono qui per chiedere un Fondo Riparazione permanente per le vittime del collasso climatico. Siamo qui a Venezia non a caso perché questa città tra meno di 20 anni sarà completamente sott'acqua. Noi amiamo Venezia - conclude l'attivista - e non vogliamo che venga distrutta, come tutto il resto del mondo. Noi protestiamo in modo non violento, non facciamo del male a nessuno ma veniamo arrestati, come i dodici cittadini di Ultima Generazione che sono in carcere ingiustamente da tre giorni".

Brugnaro, 'gesto gravissimo e vergognoso'
"Un gesto gravissimo e vergognoso che condanniamo fermamente". Queste le prime parole del sindaco di Venezia, Luigi Brugnaro, in merito al blitz degli attivisti per il clima che, questa mattina, hanno imbrattato l'esterno della Basilica di San Marco a Venezia, sembra con del liquido misto a fango. "Ora basta, è legittimo esprimere il proprio dissenso, ma sempre rispettando la legge e il nostro patrimonio culturale e religioso. - ha commentato - Sulla difesa dell'ambiente la nostra città opera con azioni concrete. Non è certo il vandalismo il metodo corretto per trovare soluzioni".

Zaia, azione a San Marco 'assolutamente da condannare'
"Questa non è la modalità giusta. Rispetto al massimo le proteste democratiche di tutti, ci mancherebbe, soprattutto se riguardano temi così importanti come quello del cambiamento climatico. Abbiamo appena concluso la Cop 28 e mi sembra di capire che da lì grandi segnali non ne siano usciti". Lo dice il Presidente del Veneto Luca Zaia in riferimento all'azione di stamane degli attivisti per il clima contro la Basilica di San Marco a Venezia.

"Ma da qui ad imbrattare la Basilica di San Marco piuttosto che altri edifici direi decisamente no - aggiunge -.Basti pensare che questo imbrattamento poi si tradurrà in un peggioramento del clima. Perchè? Perchè ci sarà più emissione di Co2, qualcuno metterà in moto delle auto per mandare degli operai lì a pulire, ci saranno dei macchinari che verranno accesi, dell'energia elettrica che verrà utilizzata. A me sembra quasi un controsenso". Per il Governatore del Veneto le proteste devono essere fatte "in maniera rispettosa non solo della proprietà altrui ma in particolar modo del clima. Se si vuole veramente porre la questione evitiamo di fare manifestazioni come queste che sono assolutamente da condannare".

LEGGI ANCHE

Attivisti per il clima sparano fango contro la Basilica San Marco


Iscriviti alla Newsletter di OggiTreviso. E' Gratis

Ogni mattina le notizie dalla tua città, dalla regione, dall'Italia e dal mondo


 

 


| modificato il:

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×