27/11/2022sereno

28/11/2022molto nuvoloso

29/11/2022nuvoloso

27 novembre 2022

Cronaca

Bimba di 4 anni muore di sete in braccio alla mamma, “Colpa delle politiche Europee”

L’attivista Nawal Soufi denuncia l’omissione di soccorso

| Stefania De Bastiani |

immagine dell'autore

| Stefania De Bastiani |

Loujin

Loujin

GRECIA - Una bambina di quattro anni è morta tra le braccia della madre mentre diceva: “Ho sete”. E’ accaduto lo scorso 8 settembre e a dare notizia dell’accaduto, sulla propria pagina Facebook, è Nawal Soufi, attivista che vive in Italia ed è punto di riferimento da anni per la comunità siriana. La piccola vittima si chiamava Loujin ed era partita dal Libano insieme alla mamma e alla sorellina di un anno. L'imbarcazione su cui si trovava la famiglia era senza acqua né cibo da dieci giorni e, nonostante le ripetute richieste alle autorità maltesi, a quelle di Cipro e greche, non c’era stata alcuna risposta.

 

Alla fine un mercantile inviato dalla Grecia ha soccorso l’imbarcazione, ma era troppo tardi e per la piccola Loujin non c’è stato nulla da fare. La sorellina di un anno è stata salvata in extremis e ora si trova ricoverata in ospedale per aver bevuto troppa acqua di mare, nel tentativo di dissetarsi.

 

Un episodio che è passato quasi inosservato. Una tragedia che rischia di inabissarsi, come quelle che non sono state raccontate e quelle che stanno per accadere. “Nelle prossime ore arriverà la notizia della morte di altri bambini e adulti a causa della sete a bordo di una barca partita dalla Turchia in direzione Italia”, ha scritto sul proprio diario di frontiera Nawal Soufi. Dal mare, le grida di aiuto. Dall’Europa, il silenzio.

 


| modificato il:

foto dell'autore

Stefania De Bastiani

SEGUIMI SU:

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×