31 ottobre 2020

Treviso

Benazzi non ci sta e replica alle accuse dei sindacati:”La mancanza di specialisti è un problema nazionale”

“La Regione e l’Ulss hanno fatto l’impossibile per reperire il personale mancante”

| Gloria Girardini |

| Gloria Girardini |

Benazzi non ci sta e replica alle accuse dei sindacati:”La mancanza di specialisti è un problema nazionale”

TREVISO -Non si è fatta attendere la risposta del direttore generale dell'azienda sanitaria dopo le accuse rivolte all'Ulss 2 da parte dei sindacati. Terreno di scontro è la carenza di personale medico nel territorio.  “Sara Tommasin e Tiberio Monari vivono su Marte?- ha dichiarato Francesco Benazzi. “Leggo con sconcerto le affermazioni dei due esponenti della FP Cgil Treviso relative alla carenza di specialisti - prosegue -. Entrambi sono perfettamente a conoscenza del fatto che la carenza di personale è un problema nazionale, non certo locale, e che Regione e Ulss 2 hanno messo in campo tutti i possibili sforzi per cercare di coprire i posti vacanti e, comunque, per riorganizzare i servizi in modo da tutelare gli utenti”. Il direttore ha voluto rispondere punto per punto a quanto dichiarato dal sindacato nelle scorse ore.

 

CURE PRIMARIE E PALLIATIVE: “In quest’ambito – dettaglia Benazzi - l’Ulss 2 ha posto in essere tutte le possibili iniziative per compensare le assenze venutesi a creare sia per quanto riguarda il personale infermieristico che medico, anche in considerazione della conclusione dell’appalto con la ditta Medicasa. In particolare per quanto riguarda gli infermieri sono stati richiesti e autorizzati ancora più di un anno fa in sede di CRITE regionale 16 infermieri in extra turn-over per il Distretto Treviso, in vista del processo di internalizzazione dell’attività svolta da Medicasa e cessata in data 31 maggio 2020, che nel corso degli ultimi 12 mesi sono progressivamente stati assunti. Per quanto riguarda i Dirigenti Medici sono state già chieste, nel corso dell’ultimo anno, più autorizzazioni alla CRITE regionale”. La CRITE ha già autorizzato per 11 ruoli nei diversi distretti. L'Azienda nella propria programmazione, al fine di garantire l'assistenza ai cittadini, ha inoltre richiesto la pubblicazione di 64 zone carenti della Medicina Generale (32 per il Distretto Treviso, 16 per Pieve di Soligo e 16 per Asolo).

 

Gli incarichi sono in corso di assegnazione e con il mese di settembre i medici che accetteranno, attiveranno i relativi ambulatori. Del pari dicasi per la pediatria di libera scelta con la precisazione che tutte le cessazioni sono state sostituite o con la disponibilità dei pediatri in convenzione ad aumentare i propri massimali o con l’inserimento di nuovi pediatri. Per i posti di dirigenza medica autorizzati sono state da tempo attivate le procedure presso Azienda Zero per l’apertura di Bandi di Concorso per dirigenti medici a tempo indeterminato e in attesa dell’espletamento di tali procedure sono stati indetti Avvisi per posti a tempo determinato che, purtroppo, sono andati tutti deserti. Per tale motivo si è dovuto ricorrere all’impiego dei medici USCA, come previsto dalla recente DGRV n. 782, e di prestazioni aggiuntive da parte di Dirigenti Medici dipendenti ULSS. Queste soluzioni, sicuramente provvisorie, hanno consentito di assicurare il servizio domiciliare in maniera corretta e senza sostanziali disagi per gli utenti. “Ricordati inoltre – aggiunge Benazzi – che nei tre Distretti sono stati attivati, complessivamente, 43 medici nell’ambito delle USCA che saranno coinvolti nella gestione delle attività domiciliari”.

 

DIPARTIMENTO SALUTE MENTALE: “Anche in quest’ambito, sia a livello dell’Ulss 2 che in ambito regionale – sottolinea Leonardo Meneghetti, direttore del Dipartimento di Salute Mentale - sono state percorse tutte le possibili strade per la copertura dei posti vacanti. Azienda Zero aveva bandito un concorso, concluso un paio di settimane fa, al quale avevano partecipato oltre cinquanta medici che, comunque, non saranno sufficienti per coprire tutti i posti vacanti nei Dipartimenti di Salute Mentale del Veneto. Il 20 luglio, inoltre, avrà luogo un concorso a tempo determinato per psicologi (in attesa dell’espletamento del concorso a tempo indeterminato previsto a breve) cui sono iscritti oltre 400 psicologi. Per quanto riguarda, infine, il personale del comparto l’Ulss 2 presenterà in Regione, con la prossima Trimestrale, una richiesta ad hoc per la copertura dei posti vacanti”.

 



Gloria Girardini

Leggi altre notizie di Treviso
Leggi altre notizie di Treviso

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×