08 aprile 2020

Oderzo Motta

Belve di Gorgo, Stafa resta in carcere

Non uscirà prima del 2017: l'ordine di esecuzione è stato firmato ieri dalla Procura generale

| commenti | (5) |

| commenti | (5) |

Belve di Gorgo, Stafa resta in carcere

GORGO AL MONTICANO - Massacro di Gorgo: giornata decisiva. Infatti il Tribunale del Riesame di Venezia deve decidere il destino dell’albanese Naim Stafa, considerato la mente della mattanza dei coniugi guido e Lucia Pelliciardi avvenuto nella notte del 21 agosto 2007.

 

In carcere da sei anni, Stafa attende una decisione definitiva dopo che il 4 luglio di quest’anno la Cassazione aveva annullato la condanna per la seconda volta.

 

La Corte d’Appello di Venezia ha fissato il nuovo processo per il prossimo 9 ottobre prolungando la custodia cautelare fino al luglio 2014.

 

Per la difesa i termini della custodia cautelare sarebbero scaduti e hanno presentato ricorso. 

 

Inanto però ecco il provvedimento della Procura generale:  Stafa resta in carcere stabilendo l’esecutività della pena per la parte «certa», e questo indipendentemente dalle aggravanti su cui è chiamata a pronunciarsi la Corte d’Appello. 

L’ordine di esecuzione è stato firmato ieri. Stafa rimane in carcere fino al 2017.

 

Leggi altre notizie di Oderzo Motta
Leggi altre notizie di Oderzo Motta

Dello stesso argomento

immagine della news

22/08/2017

Dieci anni fa il massacro di Gorgo

Lunedì sera messa per ricordare Guido e Lucia Pelliciardi: furono torturati e uccisi il il 21 agosto 2007. Don Battistella: "La cicatrice resta, la ferita può rimarginarsi"

immagine della news

27/01/2015

Daniele Pelliciardi sindaco?

Il figlio di Guido Pelliciardi e Lucia Comin, trucidati a Villa Durante a Gorgo nel 2007, ci sta pensando

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×