28 maggio 2020

Treviso

Basta prestiti sotto i 50mila euro, protestano 1800 imprese artigiane

Casartigiani protesta: “Una decisione gravissima da parte di Unicredit, che nel nostro territorio penalizza le piccole imprese"

| commenti |

| commenti |

TREVISO - Doccia fredda per le piccole imprese da Unicredit. Nei giorni scorsi l’istituto bancario ha comunicato ai consorzi che dal 1 luglio non accoglierà più le pratiche inferiori a 25 mila euro di garanzie, ovvero finanziamenti o fidi di cassa di almeno 50 mila euro. La decisione di Unicredit è stata motivata in nome di una “logica di efficienza, correttezza e razionalizzazione operativa”.

Casartigiani non ha condiviso la scelta: “Una decisione gravissima da parte dell’istituto, che nel nostro territorio penalizza maggiormente le piccole imprese, privilegiando le aziende più strutturate e di dimensioni maggiori che non hanno bisogno del sostegno dei Confidi Artigiani” - sostiene Franco Storer, presidente di Casartigiani Veneto.

“Non abbiamo mai smesso di lanciare appelli alle banche per agevolare l’accesso al credito delle imprese sane. Il sistema bancario non può correre su un binario separato da quello della piccola e media impresa. Confidiamo che da qui al primo luglio Unicredit ci ripensi”.

Tra l’alto nel 2018 si è registrato un’aumentano le richieste di credito pervenute dalle piccole imprese e dagli artigiani della provincia di Treviso alle due strutture del credito (Trevigianfidi e Co.Fi.Tre) della Casartigiani. Dai 15 milioni erogati nel 2017 siamo passati nel 2018 a quasi 17 milioni, con un aumento del 13%. I soci dei confidi sono aumentati di 50 unità, raggiungendo complessivamente le 1.800 aziende associate. Positivo anche il dato relativo alle garanzie sugli investimenti rilasciate dai confidi: 1,6 milioni con un aumento del 40% rispetto al 2017. Il rimanente invece è destinato a liquidità corrente o a ristrutturazione del debito.

“Per cercare di consentire comunque agli artigiani un accesso al credito adeguato i Confidi - conclude Storer - dovranno ora ampliare le convenzioni con altri partner bancari, che abbiano a cuore le piccole e medie imprese del nostro territorio e che siano interessati ad operare con esse”.

 

Leggi altre notizie di Treviso
Leggi altre notizie di Treviso

Dello stesso argomento

immagine della news

13/02/2020

"Bene l'albergo all'Appiani"

Casartigiani: "Se non ci sarà il trasloco della Camera di Commercio il ricettivo è una buona soluzione per non svuotare la Cittadella"

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×