28 ottobre 2021

Treviso

I bambini dell’Appiani Turazza accolgono Ndiaga Dieng, bronzo paralimpico

Una bella esperienza per i piccoli allievi della scuola d’infanzia trevigiana

| Margherita Zaniol |

| Margherita Zaniol |

Ndiaga Dieng

TREVISO - Un incontro speciale è stato quello che venerdì 17 settembre 2021 hanno vissuto i bambini della scuola dell’infanzia “Appiani Turazza” con Ndiaga Dieng, atleta paralimpico italiano, vincitore della medaglia di bronzo ai Giochi paralimpici di Tokyo 2020 e agli Europei paralimpici di Bydgoszcz 2021 nei 1500 mt, categoria T20; detentore del record del mondo di categoria IPC negli 800mt con1’51”62 e vincitore della medaglia d’oro ai Global Games INAS di Brisbane nel 2019 nei 1500 e negli 800mt.

 

L’evento, organizzato dall’insegnante della scuola Benedetta Bertelli, tecnico nazionale della FISDIR (Federazione Italiana Sport Paralimpici degli Intellettivo Relazionali), con la collaborazione dell’intera equipe scolastica e del membro esperto Antonio Dotto, è stato un’occasione di pura e autentica condivisione. Il campione è stato accolto a scuola con grande entusiasmo da tutti, grandi e piccini. Dopo un primo momento di conoscenza reciproca l’incontro è entrato nel vivo con istanti di grande emozione rappresentati dalla visione del video della gara, reso solenne dall’ intonazione dell’Inno d’Italia, ben conosciuto da tutti i bambini.

Le domande e le curiosità di tutti i bimbi e di tutte le insegnanti sono state appagate con grande disponibilità ed entusiasmo dall’atleta, che ha spiegato e sottolineato più volte ai bambini l’importanza dell’impegno, della costanza e della determinazione negli allenamenti. L’incontro è proseguito con giochi nel giardino della scuola, allestito per l’occasione con bandiere tricolori e bandiere trevigiane; i bambini hanno avuto anche la possibilità di correre insieme al campione paralimpico.

 

Una merenda in compagnia e la consegna di una raccolta di disegni per Ndiaga sono stati la perfetta conclusione di un evento che ha segnato i cuori dei bambini e di tutti i presenti. Ndiaga Dieng, di cui il talento sportivo è indubbio, ha dimostrato di essere un campione dalla “C” maiuscola, trasmettendo umiltà, autenticità, umanità e grande simpatia: ha salutato con la promessa di tornare tra tre anni con un’altra medaglia, magari di un altro colore. Per questo: in bocca al lupo Ndiaga Dieng!

 



Margherita Zaniol

Leggi altre notizie di Treviso
vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×