07/10/2022sereno

08/10/2022poco nuvoloso

09/10/2022nubi sparse

07 ottobre 2022

Ambiente

Attività produttive e pandemia: rifiuti speciali in calo nel 2020 (- 4,5%)

Presentato in Senato l’annuale Rapporto Ispra sui Rifiuti Speciali. Il Veneto produce l’11% del totale

| Giuseppe Pomarico |

immagine dell'autore

| Giuseppe Pomarico |

RIFIUTI SANITARI

RUBRICA AMBIENTE - Quasi 7 milioni di tonnellate in meno di rifiuti speciali nel 2020, anno della pandemia e del lockdown, con un calo del 4,5% rispetto all’anno precedente. Questo il dato più interessante del report annuale 2022 dell’Ispra (Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale) presentato in Senato un paio di settimane fa.

Nonostante il calo significativo nel 2020 (-5,2%, oltre 3,5 milioni di tonnellate), il settore delle costruzioni si conferma quello che produce più rifiuti speciali (45,1% del totale), seguito dalle attività di gestione dei rifiuti e di risanamento ambientale (26,3%) e dalle attività manifatturiere (18,2% circa 26,7 milioni di tonnellate).

A diminuire di più sono i rifiuti non pericolosi (-4,6%), che rappresentano il 93,3% del totale di quelli speciali, mentre quelli pericolosi calano di circa 300 mila tonnellate (-3%). La produzione dei rifiuti speciali si concentra al Nord, dove il tessuto industriale è più sviluppato (56,9% del totale), soprattutto in Lombardia (21,6% di quelli prodotti a livello nazionale) e Veneto (11%). Qui è anche localizzata la metà dei 10.472 impianti, un quinto nella sola Lombardia (2106).

Pandemia da SARS-COV2 ed emergenza sanitaria hanno prodotto 232 mila tonnellate di rifiuti sanitari, la maggior parte pericolosi a rischio infettivo, con un incremento record del 16% nel 2020.

Monitorati dal Rapporto anche i flussi di rifiuti con maggiori criticità gestionali: amianto (Friuli Venezia Giulia la regione a produrne di più nel 2020), veicoli (-5,8% quelli trattati) e pneumatici fuori uso (-1,6% rispetto al 2019), fanghi di depurazione urbani e industriali (costanti nel 2020), rifiuti da costruzione e demolizione (dei quali quasi il 78% è avviato a recupero).



Geol Giuseppe Pomarico

 


| modificato il:

foto dell'autore

Giuseppe Pomarico
Geologo, docente e pubblicista

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×