05 aprile 2020

Atletica

Atletica, negli USA Virginia Scardanzan al primato personale indoor nell’asta

La portacolori di Atletica Silca Conegliano supera l’asticella a 3.93 e sigla anche lo school record

Altri Sport

 Virginia Scardanzan

TREVISO - È stata impegnata nello studio e negli allenamenti nell’asta alla Washburn University di Topeka dopo un anno “di passaggio” alla California University State Northridge di Los Angeles.

Ora è non solo studentessa modello che ha chiuso lo scorso semestre con il massimo dei voti, ma anche di nuovo protagonista in pedana.

Nei giorni scorsi infatti Virginia Scardanzan, 22 anni il 12 febbraio, ha iniziato la sua stagione in sala alla Pittsburg State University in Kansas con una gara universitaria di atletica leggera che l’ha vista tornare alle misure che più le competono. La trevigiana ha infatti valicato, al terzo tentativo, l’asticella posta a 3.93, siglando così il nuovo primato indoor e lo school record. Ha poi mancato 4.03 di pochissimo. Per lei una posizione a ridosso del podio: ha ottenuto infatti il quarto posto a pari misura con la seconda (ma con più errori).

L’obiettivo dei 4 metri è sempre più vicino (all’aperto il suo personal best è di 3.95). Un vero e proprio cambio di vita quello che ha caratterizzato l’avventura americana dell’astista con un passato da ginnasta: al momento sta frequentando il terzo anno del corso di “scienze dell’esercizio e della riabilitazione” (kinesiologia).

Contestualmente si allena, “sfruttando” al meglio le facilitazioni sportive, ovvero la possibilità di avere campo di allenamento, palestre e aule scolastiche nello stesso campus dove vive.

“Gli allenamenti procedono molto bene, stiamo lavorando per migliorare la corsa e il salto – commenta dagli States la giovane - vivendo in campus è tutto più facile perché sono a cinque minuti a piedi dalla palestra dove abbiamo i pesi e dove ci alleniamo. Cose che ci sogniamo in Italia, qui sono decisamente avanti, non solo a livello di strutture, ma anche perché il sistema è organizzato per permettere agli studenti di portare avanti sia l’attività accademica che quella sportiva.

Sono molto soddisfatta del percorso scolastico e voglio continuare così”.

In campo sportivo, dal settembre 2018 è seguita dal coach Rick Attig, un “guru” (fa parte della Pole Vault Hall of Fame americana) della specialità che ha portato diversi studenti a vincere la finale dei campionati della NCAA (National Collegiate Athletic Association), la più grande organizzazione sportiva universitaria del mondo e atleti in finale ai mondiali e alle Olimpiadi. Il suo ritorno in Italia è previsto per giugno, per poter partecipare ai campionati italiani Promesse in programma tra il 12 e il 14 a Grosseto. Per lei si tratterà dell’ultimo tricolore “giovanile”: nelle scorse edizioni vanta il titolo italiano Junior e i podi Promesse.

“Siamo molto orgogliosi del percorso che sta portando avanti Virginia negli Stati Uniti – afferma il presidente di Atletica Silca Conegliano, Francesco Piccin – è riuscita a conciliare l’impegno scolastico, quello più importante per il suo futuro, con quello sportivo. Purtroppo durante il primo anno non ha potuto allenarsi con un tecnico dedicato all’asta e quindi i risultati ne hanno risentito, ora però è tornata in carreggiata, sulle misure alle quali ci aveva abituato. Non ha mai mollato, ha dimostrato carattere e intelligenza, non solo agonistica. L’aspettiamo a giugno, confidando nel suo encomiabile impegno, per i tricolori under 23 all’aperto”.
 

 

Le società Sportive

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×