07 agosto 2020

Treviso

Assembramenti nelle spiagge e nei centri, Zaia:"Evitiamoli, la responsabilità è passata al cittadino"

Smentito il passaggio a Roma, "I veneti mi rincorrerebbero per strada"

| Gloria Girardini |

| Gloria Girardini |

Zaia il senso di responsabilità

TREVISO - “Bisogna far capire ai cittadini che stanno mettendo a rischio la propria salute e quella degli altri”, un richiamo al senso di responsabilità quello fatto dal governatore Luca Zaia durante l’inaugurazione del nuova sede del 118 a Treviso. Una dichiarazione nata sulla spinta delle immagini che mostrano gli assembramenti incontrollati nelle spiagge di Jesolo, Sottomarina e nei grandi centri.

 

“Nel momento in cui si tagliano alcune restrizioni finisce la responsabilità  dei medici,  questa passa al singolo cittadino-ha proseguito Zaia- è bene che si rispettino le regole, la mascherina va utilizzata nei luoghi chiusi e all’aperto in caso di assembramento. Sarebbe meglio evitare questi fenomeni, come ad esempio nella battigia delle spiagge, bisogna organizzarsi in maniera tale che non vi siano. Se l’infezione torna è una  nostra responsabilità”.

 

Pensate di attuare nuove ordinanze e restrizioni? “Penso che bisogna dar fiducia ai cittadini-ha riposto il governatore- fargli capire che si sta mettendo a rischio la propria salute e quella degli altri, un anziano, un malato oncologico o un bambino immunodepresso. La battaglia non è vinta, ma siamo ad una tappa che ci dice che il virus è meno aggressivo, ma c’è“.

 

Gli economisti affermano che il peggio deve ancora arrivare, il Veneto dal punto di vista produttivo sarà pronto ad affrontare questa nuova fase? “Noi siamo sempre pronti, ne abbiamo passate di tutte i colori. Il coronavirus è un evento regolatore della storia come le torri gemelle la Lehman Brothers nel 2008 o una guerra. Il coronavirus è come un evento bellico, in Veneto abbiamo avuto oltre 2 mila morti, sono dati importanti come quelli di una catastrofe. Dopo questi eventi regolatori c’è sempre un periodo di recessione che speriamo duri poco, in teoria dovrebbe esserci poi una rinascita. Spero che il governo attui quelle misure necessarie per la ripartenza delle imprese in difficoltà.

 

Lei smentisce un eventuale passaggio a Roma? "Questa è già preistoria, penso che i veneti mi rincorrerebbero per strada"ha concluso il governatore Zaia.

 


| modificato il:

Gloria Girardini

Leggi altre notizie di Treviso
Leggi altre notizie di Treviso

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×