29/02/2024pioggia debole

01/03/2024pioggia

02/03/2024pioviggine

29 febbraio 2024

Castelfranco

Artigiano di Castelfranco si becca 1000 euro di multa per non aver compilato il questionario Istat

La CNA agli imprenditori: «Attenzione, la compilazione è obbligatoria», e punta il dito contro l’aggravio che ciò comporta per le imprese

|

|

Artigiano di Castelfranco si becca 1000 euro di multa per non aver compilato il questionario Istat

CASTELFRANCO – Un imprenditore metalmeccanico della zona di Castelfranco si è visto recapitare una sanzione di 1.032 euro per non aver compilato il questionario Istat relativo al Censimento permanente delle unità economiche (CPUE) – Rilevazione multiscopo qualitativa sulle imprese (IST-02623) dell’anno 2022. L’obbligo di compilazione scadeva il 31 marzo 2023. Il 23 giugno è stata notificata l’ammenda. Le sanzioni, in caso di mancata compilazione, vengono somministrate ai sensi degli art. 7 e 11 del decreto legislativo n. 322/1989 secondo i criteri riportati nel DPR 9 marzo 2022 di approvazione del programma statistico nazionale. «Questa volta ho deciso di non compilarlo di proposito per protesta – spiega l’imprenditore, a cui abbiamo garantito l’anonimato -. Siamo vessati dalle rilevazioni degli enti statistici, a me arrivano anche quelle trimestrali di Unioncamere Veneto e quella del progetto Excelsior di Unioncamere nazionale, obbligatoria anch’essa. Non posso continuare a perdere tempo a compilare questionari complicati e spesso con domande a cui non so e non posso rispondere».

Il tema è ben noto alla CNA che, non a caso, viene spesso incaricata dalle proprie ditte associate di compilare i numerosi questionari a scopi statistici che arrivano alle imprese. «Il problema in effetti c’è – spiega Mattia Panazzolo, direttore della CNA territoriale di Treviso, che ha raccolto la protesta dell’imprenditore multato -. Alle imprese, e di conseguenza ai nostri centri servizi a cui viene spesso richiesto di compilarli per loro conto, vengono molte volte chiesti dati già in possesso della Pubblica Amministrazione, Inps e Agenzia delle Entrate sopra tutte, e questo comporta un inutile investimento di tempo e di energie». La percezione delle imprese quindi non è quella di fare un servizio alla conoscenza comune utile a una migliore programmazione politica (che per altro non viene fatta), ma appunto quella di essere vessate di ulteriori aggravi burocratici e monetari (come se non ce ne fossero già abbastanza).

Oltretutto, nelle rilevazioni di previsione, vengono fatte domande che spiazzano le ditte artigiane. «Le imprese da coinvolgere nelle rilevazioni – spiega ancora Panazzolo – vengono selezionate sulla base dei settori di attività senza tenere conto a sufficienza delle dimensioni. Perciò ditte molto piccole si trovano a dover rispondere a domande che andrebbero rivolte a una ditta molto strutturata». L’appello di CNA agli imprenditori è comunque a compilare i questionari Istat e degli altri enti di ricerca per evitare sanzioni, eventualmente facendosi aiutare dagli uffici dell’Associazione. L’appello all’Istat e agli enti di ricerca è di tarare meglio le domande in relazione alle dimensioni delle imprese e, soprattutto, a recuperare i dati già in possesso della PA da altre fonti, senza aggravare le imprese di ulteriori oneri burocratici.

Iscriviti alla Newsletter di OggiTreviso. E' Gratis

Ogni mattina le notizie dalla tua città, dalla regione, dall'Italia e dal mondo


 

 



Leggi altre notizie di Castelfranco
Leggi altre notizie di Castelfranco

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×