15/06/2024nubi sparse

16/06/2024poco nuvoloso

17/06/2024poco nuvoloso

15 giugno 2024

Nord-Est

Arsenale nel bar: "Mi sentivo minacciato"

Nonostante il bar sia stato aperto poco più da un mese, era stato già segnalato e individuato dalle Forze dell'Ordine, quale luogo di ritrovo di soggetti pregiudicati

|

|

Arsenale nel bar:

BRESSANONE - Nel corso dei controlli effettuati dalla polizia a Bressanone all'interno di un bar gli agenti hanno rinvenuto e sequestrato armi e strumenti atti a offendere.

In particolare sono state trovate una sciabola con lama di 41 cm, un machete con lama di 34 cm, un falcetto con 21 cm di lama, mazze e bastoni vari e una riproduzione del tutto verosimile di una pistola priva del tappo rosso.
    Nonostante il bar sia stato aperto poco più da un mese, lo stesso è stato già segnalato e individuato dalle Forze dell'Ordine, quale luogo di ritrovo di soggetti pregiudicati, tra i quali lo stesso gestore, un 39enne cittadino italiano, il quale ha a proprio carico numerosi denunce e precedenti penali per reati quali maltrattamenti in famiglia, guida in stato di ebrezza, violenza resistenza e minaccia a Pubblico Ufficiale, furto aggravato in concorso in abitazione nonché per altri reati minori.

L'uomo è anche stato segnalato per detenzione di sostanze stupefacenti a uso personale e colpito da sanzioni amministrative per ubriachezza molesta.
    Alla domanda perché detenesse nel proprio bar un tale quantitativo di armi, il gestore ha riferito di "sentirsi minacciato" da non meglio precisati individui. Il Questore ha disposto la sospensione della licenza e l'immediata chiusura per un periodo di 30 giorni. Il gestore, inoltre, è stato denunciato alla Autorità Giudiziaria per detenzione illegale di armi e strumenti atti a offendere.


Iscriviti alla Newsletter di OggiTreviso. E' Gratis

Ogni mattina le notizie dalla tua città, dalla regione, dall'Italia e dal mondo


 

 


| modificato il:

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×