24/01/2022sereno

25/01/2022foschia

26/01/2022foschia

24 gennaio 2022

Vittorio Veneto

Aprite un pollaio e il Meschio tornerà a...cinguettare!

Lipu e associazioni ambientaliste si interrogano sul futuro dell’avifauna intorno al Meschio. Ma la soluzione è semplice. Basta ripescarla nel...passato

| Emanuela Da Ros |

immagine dell'autore

| Emanuela Da Ros |

Aprite un pollaio e il Meschio tornerà a...cinguettare!

VITTORIO VENETO - Il Meschio è il ‘corridoio ecologico’ delle città di Vittorio Veneto, Colle Umberto e Cordignano. Su questo concordano biologi, geologi, etologi, zoologi e coloro che si occupano di ambiente, flora e fauna a diversi livelli. Anche le associazioni ambientaliste, in primo luogo la Lipu, hanno recentemente posto l’accento sulla necessità di incrementare l’avifauna stanziale, presente lungo il Meschio, per contribuire a equilibrare l’ecosistema dell’area. Tra le strategie prese in esame per il ripopolamento degli argini vi sono l’installazione di nidi artificiali e postazioni fisse per il cibo dei volatili. Eppure, per esperienze e conoscenze acquisite sul territorio, c’è chi ritiene che la soluzione più semplice ed efficace sia un’altra: quella di aprire un pollaio.

 

“Grazie alla presenza di un pollaio nel giardino della mia abitazione situata nei pressi del Meschio - spiega Gino Sommariva - ho potuto verificare un incremento, seppur contenuto, delle specie aviarie stanziali. In coincidenza con gli orari di rifornimento del mangime, infatti, numerosi uccelli si presentano per beccare i semi. Il pollaio, rispetto alle postazioni artificiali, viene infatti rifornito di sementi con maggiore frequenza e regolarità.” Secondo Sommariva, incentivare la presenza dei pollai nei giardini e negli orti, oltre a comportare un aumento dei passeriformi, avrebbe come risvolto positivo un’alimentazione più genuina e sostenibile. Poiché crede fermamente in questo progetto Gino Sommariva ha scritto alla Lipu vittoriese che si rende disponibile a fornire ogni supporto utile per far partire il singolo pollaio, a cominciare dagli esemplari iniziali: un gallo e delle galline. Altra strategia da adottare per risanare l’habitat fluviale locale è quella di ripristinare le specie arboree autoctone.

 

 “Fino al 2005 - spiega ancora Sommariva - il tratto di Meschio a San Martino di Colle Umberto, dove ho sempre vissuto, era circondato da numerose piante ad alto fusto come l’arner (ontano), il sambuco e il platano: alberi che fornivano alimenti a merli, cardellini, lucherini oltre che ai passeriformi. Rimettere a dimora queste piante sugli argini è indispensabile.” Intanto sul Meschio sono apparsi cormorani, aironi, svassi e gallinelle d’acqua: specie ictiofaghe che trovano nei corsi d’acqua abbondanza di nutrimento e che con la loro presenza lo vivificano, in modo naturalmente suggestivo.

 



foto dell'autore

Emanuela Da Ros

SEGUIMI SU:

Leggi altre notizie di Vittorio Veneto
Leggi altre notizie di Vittorio Veneto

Dello stesso argomento

immagine della news

14/01/2022

Una "maratona di cervelli" per valorizzare il Meschio

Alterevo Società Benefit, insieme al comune di Vittorio Veneto, organizza l’evento “Hackathon Enjoy Meschio”: l’obiettivo è quello di generare idee e progetti creativi per valorizzare il fiume e il suo territorio

immagine della news

25/11/2021

La colonizzazione delle nutrie

Tantissime famiglie di roditori sudamericani sorprese sempre più spesso a fare picnic sull’argine. Con conseguenze dannose - IL VIDEO

immagine della news

20/05/2021

"Puliamo il Meschio"

Quest’anno la raccolta dei rifiuti verrà effettuata domenica 23 maggio, a partire dalle 8.30

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×