25 maggio 2020

Vittorio Veneto

Appello a vuoto, il Natale rischia di essere buio

E Serravalle fa da sè: luci e albero per il centro storico

| Claudia Borsoi | commenti |

| Claudia Borsoi | commenti |

Appello a vuoto, il Natale rischia di essere buio

VITTORIO VENETO – Ad inizio ottobre era stata l’Ascom di Vittorio Veneto a lanciare un appello alle associazioni di categoria, banche e istituti, affinchè insieme si potesse illuminare il Natale 2012. All’appello ha risposto solo un imprenditore della zona industriale e così non ci sarà alcuna illuminazione per il Natale in centro città.

 

«Vittorio Veneto è di tutti e non solo dei commercianti» ricorda Antonella Secchi, direttrice di Ascom, l’associazione che fino al Natale 2010 si faceva carico di gran parte della spesa per il noleggio, l’installazione e il consumo di energia delle luminarie. «Faremo qualcosa di alternativo, ci sarà un intervento privatistico per illuminare la città» promette comunque Secchi.

 

A Serravalle sarà l’associazione Serravalle Viva, insieme a commercianti e pubblici esercenti del centro storico, a portare l’atmosfera natalizia. Il consiglio direttivo dell’associazione, venerdì, ha dato via libera al progetto da 9 mila euro. Un grande albero, a cura di Serravalle Viva, sarà collocato al centro di piazza Flaminio, mentre con il contributo dei commercianti si accenderanno le luminarie lungo via Martiri e in piazza Fontana. «Il periodo è quello che è – ammette Giuseppe D’Assiè portavoce di Serravalle Viva – ed è stato più difficile raccogliere adesioni tra i commercianti e i pubblici esercenti del centro storico, adesioni che si sono fermate a un 65/70%. Per questo la decisione di illuminare Serravalle è arrivata più tardi quest’anno».

 

Anche l’amministrazione vittoriese sta pensando a una soluzione per portare un po’ di clima natalizio in città. Lo scorso anno anziché le tradizionali luminarie, si optò per delle proiezioni sulla facciata della chiesa di Salsa e del museo della Battaglia. «Qualcosa faremo – spiega il sindaco Gianantonio Da Re – ma sarà orientato al massimo risparmio e rigore, non si tratterà cioè delle grandi illuminazioni degli anni passati. In base ai soldi a disposizioni valuteremo cosa poter fare».

 



Claudia Borsoi

Leggi altre notizie di Vittorio Veneto
Leggi altre notizie di Vittorio Veneto

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×