03/12/2021velature lievi

04/12/2021pioviggine

05/12/2021pioggia debole e schiarite

03 dicembre 2021

Treviso

Anniversario strage di via Fani

Treviso ricorda Aldo Moro

| Pietro Panzarino - Vicedirettore |

immagine dell'autore

| Pietro Panzarino - Vicedirettore |

Anniversario strage di via Fani

TREVISO - Oggi ricorre il 37° Anniversario della strage di Via Fani, dove vennero uccisi le 5 guardie del corpo del Presidente Aldo Moro, rapito, sequestrato e ammazzato 55 giorni dopo dalle Brigate Rosse.

La commemorazione dello statista oggi assume un significato particolare,dopo che la Commissione Bicamerale, istituita nell'autunno scorso e presieduta dall' on.le Giuseppe Fioroni, ha reso noto le ultime iniziative messe in atto nei giorni scorsi e pubblicizate adeguatamente dai media nazionali e internazionali.

A ciò ha contribuito il tour nazionale, organizzato in tutta Italia, dall'on.le Gero Grassi, vice-presidente del gruppo parlamentare PD alla Camera e membro della medesima Commissione Moro, con il dibattito "Chi e perché ha ucciso Aldo Moro".

Durante l'incontro organizzato la primavera scorsa a Maserada, Gero Grassi annunziò pubblicamente una notizia-bomba ossia la presenza della moto Honda con due uomini, coperti da caschi, che facevano parte dei servizi segreti, sul luogo della strage.

Nei giorni scorsi la polizia giudiziaria è tornata sul luogo dell'eccidio, utilizzando nuove e sofisticate tecnologie.

Lunedì 9 marzo, il Nunzio in Gran Bretagna, Mons. Antonello Mennini, è stato interrogato in Commissione su indicazione di Papa Francesco.

Grassi ci ha confermato che il Nunzio ha riferito che "quel sacerdote, che avrebbe incontrato Moro nella prigione dei brigatisti non era lui, ma che potrebbe essere un amico dei brigatisti... ho apprezzato molto che anche a distanza di 37 anni con serenità abbia detto che lo Stato all'epoca non ha fatto praticamente nulla per salvare Moro".

L'ultima notizia sul rapimento risale a venerdì 13 marzo da parte dell'ANSA: “Oggi il presidente della Commissione d’inchiesta sul caso Moro, Giuseppe Fioroni, ha acquisito diciassette cassette audio-registrate ritrovate tra i reperti del covo brigatista di via Gradoli grazie al lavoro della dottoressa Antonia Giammaria, magistrato distaccato presso l’organismo parlamentare.

Non risulta da nessun atto giudiziario che il contenuto di queste cassette sia mai stato ascoltato e verbalizzato. Da quel che si conosce dagli atti erano 18 le cassette registrate ritrovate nel covo e mai ascoltate: ad oggi ne manca dunque una.

Per il momento le cassette sono dunque nella cassaforte della Commissione, presto ne conosceremo il contenuto e ne valuteremo la sua rilevanza per le nostre indagini”.

In questo contesto si colloca la presentazione del saggio "Il Centro-sinistra di Aldo Moro (1958-1968) edito da Marsilio, che si terrà venerdì 20 marzo alle ore 18.00 nella Sala Verde di Palazzo Rinaldi a Treviso.

Dopo i saluti del sindaco Giovanni Manildo e Andrea Michielan, segretario PD comunale, il vicesindaco Roberto Grigoletto modererà il dibattito a cui partecipano l'autore e Giovanni Tonella.

Seguirà una riflessione sull'attualità politica con l'on.le Pierluigi Castagnetti.

 
 
 

 


| modificato il:

foto dell'autore

Pietro Panzarino - Vicedirettore

Leggi altre notizie di Treviso
Leggi altre notizie di Treviso

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×