16 ottobre 2021

Castelfranco

Annachiara, un’eroina moderna che combatte contro la tratta e la pornografia online

Fondatrice dell’associazione Protection4Kids si è adoperata per salvare molte vittime di atrocità

| Ingrid Feltrin Jefwa |

immagine dell'autore

| Ingrid Feltrin Jefwa |

Annachiara Castelfranco tratta

CASTELFRANCO – Annachiara Sarto, 22 anni di Castelfranco studia Giurisprudenza in diritti umani e diritto penale internazionale a L’Aia in Olanda e sta per concludere il secondo ciclo di studi universitari, rigorosamente in inglese. Una ragazza brillante quindi, ma che ad un impegno così importante da tempo affianca anche un’attività che è quasi una missione: aiutare le vittima di tratta e pornografia online. Dopo alcuni viaggi prima in Sud Africa e poi in Nepal ha deciso di fondare Protection4Kids, un organizzazione che in poco tempo è diventata un riferimento importante e si adopera con impegno, grazie alla dedizione di Annachiara a contrastare crimini orribili spesso perpetrati ai danni di minori. “Tutto è iniziato quando ho trascorso un anno in africa a Città del Capo nel 2016 frequentando il liceo classico – racconta la 22enne -. Durante questa permanenza ho conosciuto da vicino il fenomeno della tratta e la cosa mi ha scioccata a tal punto che ho deciso di fare qualcosa”.

 

A quest’esperienza è seguito un viaggio a Katmandu dove ha conosciuto delle baby-prostitute ed al suo ritorno in Europa non ha esitato oltre dando vita a Protection4Kids insieme all’imprenditore Andrea Baggio che ha messo a disposizione dell’associazione il suo team di ReputationUP Europa, per contrastare la pedopornografia. “Quando ero in Sud Africa la madre della famiglia che mi ospitava è stata chiamata all’asilo del figlioletto perché erano stati rapiti 4 bambini da individui che si erano finti genitori – racconta Annachiara -. Un episodio che ha segnato il mio futuro. Ho scoperto così che in Sud Africa ogni 9 ore veniva rapito un minore destinato alla tratta, al traffico di organi, alla schiavitù domestica, allo sfruttamento sessuale o alla pedopornografia: scenari impressionanti! Quando poi ho fondato Protection4Kids ho però scoperto che le vittime della tratta sono ovunque anche a Padova o a Treviso, perché questi orrori non hanno confini. Nel mondo sono 40 milioni le vittime di tratta”.

 

Annachiara parla con lucidità e determinazione: “Come italiani dobbiamo vergognarci del nostro primato mondiale nel turismo sessuale. Purtroppo, questo fenomeno è alimentato anche da un uso distorto del web dove la pornografia, facilmente accessibile, nutre perversioni di ogni tipo ed è proprio sul web che combattiamo questi fenomeni ma non solo. A luglio andrò a Jakarta in Indonesia per un mese a gestire un centro con 150 minori vittime di sfruttamento sessuale per Ecpat, la più grande organizzazione mondiale che contrasta questo fenomeno”. Ma anche nella sua città d’origine, Castelfranco Veneto, l’instancabile Annachiara ha in programma delle iniziative: “Il 28 marzo all’Hotel Fior di Castelfranco inizia il tour di presentazione di Protection4Kids, con un convengo importante a cui parteciperanno personalità di spicco come la celebre Blessing Okoedion, premiata dal presidente Obama come eroe anti tratta. Il tour poi perseguirà a L’Aia, Madrid, Miami, in Columbia e quindi a Roma. Il 20 marzo invece a Treviso Protection4Kids sarà partner in un’iniziativa volta a promuovere un innovativo triciclo, per i bambini oncologici”. Questa giovane eroina moderna che contrasta crimini odiosi con intelligenza e un coraggio da leonessa non nega però che sia difficile ascoltare il dramma delle vittime: “Quando per la prima volta ho parlato con una ragazza nigeriana di 17 anni vittima di sfruttamento sessuale, ho avuto incubi per molto tempo: non è per nulla facile gestire lo stress emotivo ma sapere che con Protection4Kids posso aiutare è di grande conforto e mi permette di andare avanti. I fronti dove impegnarsi sono molti e di recente ci siamo attivati anche per offrire gratuitamente un servizio di eliminazione dei contenuti pornografici alle vittime di Revenge porn”.

 

Insomma, sempre in prima linea la coraggiosa Annachiara e il suo mentore Andrea Baggio. Una giovane che per entusiasmo ed energia fa davvero ben sperare nelle generazioni future e che nella sua determinata missione di contrasto agli orrori conclude la nostra chiacchierata con un monito: “Molte di queste atrocità sono alimentate dalla pornografia web e i fruitori sono incalcolabili e possono essere persone che conosciamo e conducono una vita apparentemente normale ma che condizionate da questi contenuti coltivano perversioni orribili: serve un uso più consapevole del web e maggiore attenzione ai minori che hanno accesso a questi canali visto che spesso le vittime vengono adescate proprio attraverso Internet”.

 


| modificato il:

foto dell'autore

Ingrid Feltrin Jefwa
Direttrice responsabile

SEGUIMI SU:

Leggi altre notizie di Castelfranco
Leggi altre notizie di Castelfranco

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×