18/05/2024poco nuvoloso

19/05/2024poco nuvoloso

20/05/2024pioggia debole e schiarite

18 maggio 2024

Treviso

Alluvione in Emilia-Romagna, da Treviso altri 6 gruppi di volontari della Protezione Civile per le operazioni di ripulitura

Le squadre della Provincia sostituiranno i numerosi volontari e colleghi impegnati sul territorio in questi giorni

| Isabella Loschi |

immagine dell'autore

| Isabella Loschi |

protezione civile Treviso in Emilia Romagna

TREVISO - Dalla provincia di Treviso partono oggi, giovedì 25 maggio, 6 nuovi gruppi di Protezione Civile della Provincia di Treviso per le operazioni di ripulitura, ripristino delle condizioni di sicurezza e sgombero dai detriti e del fango nelle zone dell'Emilia-Romagna devastate dal violento nubifragio che ha causato alluvioni e frane.

Le squadre della Provincia, attivate come da prassi dalla Regione Veneto, sostituiranno i numerosi volontari e colleghi impegnati sul territorio in questi giorni e sono: l'Associazione Cavalieri dell'Etere Protezione Civile – ODV di Conegliano, l'Associazione Volontari Antincendi Boschivi della Pedemontana del Grappa,Colli Asolani e Montello odv, l'Associazione Volontari Antincendi Boschivi e Protezione Civile ODV di Vittorio Veneto, il Gruppo Comunale dei Volontari di Protezione Civile di Pieve di Soligo, il Nucleo Volontari Protezione Civile di Maserada sul Piave e i Volontari Antincendi Boschivi e Protezione Civile di Valdobbiadene.

“I 6 gruppi daranno il cambio per i prossimi giorni ai colleghi della Protezione Civile, per accelerare soprattutto le attività di rimozione del materiale fangoso, da smaltire quanto prima per evitare che solidifichi e diventi ancora più complesso da gestire – spiega il presidente della Provincia di Treviso Stefano Marcon – rinnovo i ringraziamenti per il contributo fondamentale e prezioso delle squadre della Protezione Civile, della Provincia e da tutto il Paese. Come Unione Province Italiane, il presidente Michele De Pascale ha inoltrato una nota a tutte le Amministrazioni provinciali per svolgere una ricognizione di possibili profili professionali disponibili a dare un sostegno significativo per iniziare a programmare la ricostruzione, come geometri, architetti, ingegneri e geologi, affiancando il personale delle Province tragicamente colpite: uniamo le forze, come Istituzioni, per cercare di ripristinare al più presto una condizione di normalità, sicurezza e speranza”.

 


| modificato il:

foto dell'autore

Isabella Loschi

Leggi altre notizie di Treviso
Leggi altre notizie di Treviso

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×