18 giugno 2021

Treviso

"All'Ulss2 mancano 420 figure tra infermieri, operatori sociosanitari e assistenti sociali"

A lanciare l'allarme il sindacato Fp Cgil Treviso: "Questa situazione è frutto dei mancati investimenti sulla sanità"

| Isabella Loschi |

immagine dell'autore

| Isabella Loschi |

marta casarin

TREVISO - Carenze di organico tra i lavoratori dell’Ulss2 Marca trevigiana che, purtroppo, si trovano a gestire nuovamente una emergenza sanitaria. A lanciare l’allarme sulla mancanza di personale è il sindacato trevigiano della Fp Cgil Treviso. “Duecento medici, 600 lavoratori della sanità tra infermieri, operatori socio-sanitari, tecnici e ostetriche.

Questa la fotografia della carenza di organico dell’Ulss2 Marca trevigiana nel 2016 - illustra i numeri Marta Casarin segretaria generale della Fp Cgil Treviso - Dai 9.136 dipendenti del 2017, si è arrivati a 8.913 dipendenti dell’Ulss2 del 2019. Se solo lo scorso anno mancavano 200 professionisti nell’Ulss2 Marca trevigiana oggi, con l’emergenza sanitaria, contiamo la mancanza di 210 infermieri, 120 operatori sociosanitari, meno 30 assistenti sanitarie, 30 assistenti sociali e altrettanti psichiatri”.

“Capiamo bene - attacca Casarin - che questa situazione è frutto della mancata programmazione e dei mancati investimenti sulla sanità e come questo impatta sui carichi di lavori sui dipendenti. Scelte sbagliate che gravano sui cittadini”. “Come sindacato abbiamo chiesto risposte all’Ulss2 e alla regione ma le risposte arrivate sono ancora insufficienti”.

L'Ulss2 pochi giorni fa aveva replicato sottolineando l'assunzione di 259 infermieri, parte in sostituzione del personale che ha cessato il rapporto di lavoro e altri 48 extra turn over.

 


| modificato il:

foto dell'autore

Isabella Loschi

Leggi altre notizie di Treviso
Leggi altre notizie di Treviso

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×