02/12/2021pioviggine

03/12/2021poco nuvoloso

04/12/2021pioviggine

02 dicembre 2021

Treviso

E' allarme per il virus respiratorio che colpisce i neonati: picco di ricoveri anche negli ospedali della Marca

Nell'ultima settimana 25 neonati ricoverati nelle cinque Pediatrie dell’Ulss2

| Isabella Loschi |

immagine dell'autore

| Isabella Loschi |

neonato

TREVISO - Inizia come un brutto raffreddore a cui poi si aggiungono sintomi come inappetenza, episodi di apnea (momenti di interruzione del respiro)e respiro affannoso.

E’ un virus respiratorio sinciziale, che colpisce soprattutto i bambini con meno di un anno. Nelle ultime settimane c’è stata un’esplosione di casi, complice l’inizio della stagione influenzale, in diverse zone d’Italia con i reparti pediatrici degli ospedali pieni di piccoli pazienti ricoverati con polmoniti e bronchiolite acuta.

Anche in provincia di Treviso le cinque Pediatrie dell’Ulss2 hanno registrato un picco di casi: ad oggi sono 5 i neonati ricoverati negli ospedali trevigiani, solo nell’ultima settimana sono stati 25 i piccoli costretti a ricorrere alle cure ospedaliere.

E’ importante chiarire che non si tratta di un virus respiratorio sinciziale nuovo, come sottolinea la Società italiana di pediatria (Sip), ma “è un virus che colpisce maggiormente nella stagione invernale. Si tratta della più frequente causa di infezione delle vie respiratorie nei bambini al di sotto dei 2 anni e rappresenta la prima causa di ricovero ospedaliero sotto l’anno di età”.

Nell’ultimo anno e mezzo tra mascherine, isolamento, distanziamenti e asili chiusi i virus hanno avuto scarso modo di diffondersi, come si è potuto notare anche per quanto riguarda i casi di influenza stagionale, mentre oggi si stanno diffondendo in modo aggressivo e molti più bambini. “L’infezione si contrae attraverso le mucose di naso, bocca e occhi così come altri virus stagionali - spiega ancora la Società italiana di pediatria -In particolare, l’infezione si contrae toccando con le mani le secrezioni nasali o buccali infette e quindi strofinandosi gli occhi o il naso. Il virus respiratorio sinciziale, può sopravvivere per molte ore sulle superfici dure come tavoli, maniglie delle porte, giocattoli e culle”. Per questo i consigli sono quelli di lavare bene le mani, pulire le superfici ed evitare luoghi affollati.

 


| modificato il:

foto dell'autore

Isabella Loschi

Leggi altre notizie di Treviso
Leggi altre notizie di Treviso

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×