23 settembre 2020

Mogliano

"Alla caserma Serena sia revocata l'ospitalità agli stranieri che non rispettano le regole"

A chiederlo a gran voce è Mauro Armelao, segretario generale veneto dell’organizzazione sindacale Fsp Polizia di Stato

| Roberto Silvestrin |

immagine dell'autore

| Roberto Silvestrin |

CASIER - “Sia revocata immediatamente l’ospitalità agli stranieri che non rispettano le regole, in primis la quarantena, e a tutti quelli che si sono resi responsabili di qualsivoglia forma di protesta non pacifica sfociata in violenza nei confronti di operatori e forze dell’ordine e in danneggiamenti dei beni comuni”. A chiederlo a gran voce è Mauro Armelao, segretario generale veneto dell’organizzazione sindacale Fsp Polizia di Stato.

 

Il riferimento è al centro di accoglienza all’ex caserma Serena di Casier, dove nei giorni scorsi è stato scoperto un focolaio con 137 contagiati. Per Armelao bisogna “avere il coraggio di espellere in maniera coatta chi si erge a capetto solamente per creare disordini interni. Le regole vanno rispettate, come sono state rispettate dagli italiani nelle fasi del lockdown. Nessuna indulgenza verso questi personaggi che non dimostrano alcuna gratitudine verso il nostro paese che li sta ospitando”.

 

Parole che arrivano in un momento a dir poco complesso sul fronte dell’immigrazione e degli sbarchi. A Lampedusa nei giorni scorsi si è invocato lo stato di emergenza, visti i tantissimi arrivi. A confermare le difficoltà del caso – soprattutto per chi deve gestire l’emergenza - è lo stesso Armelao: “Qui la Polizia di Stato con tutte le forze di polizia si sta trovando nuovamente di fronte all’emergenza sbarchi, ma ad aggravare la situazione c’è il rischio sanitario dovuto al Covid. Non possiamo permetterci in alcun modo che i cosiddetti “profughi” diventino veicolo del virus. Lo diciamo da molto tempo, si devono fermare le partenze direttamente in Africa”.

 

Il segretario ha lanciato anche un appello al Prefetto di Treviso Maria Rosaria Laganà perché “si interfacci con il Governo e faccia la propria parte”, altrimenti “qui come sempre accade a farne le spese ci saranno sempre le forze dell’ordine chiamate a far rispettare le regole e i cittadini che dovranno sopportare ancora per molto tempo, considerati gli sbarchi e gli ingressi via terra da nord est, questa situazione. O così o si abbia anche il coraggio di chiudere la caserma Serena”.

 


| modificato il:

foto dell'autore

Roberto Silvestrin

Leggi altre notizie di Mogliano
vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×