25 ottobre 2021

Esteri

Afghanistan, talebani: "Esecuzioni e amputazioni per sicurezza"

"Nessuno ci dirà quali devono essere le nostre leggi"

|

|

Afghanistan, talebani:

AFGHANISTAN - Esecuzioni e amputazioni per i ladri saranno presto all'ordine del giorno nell'Afghanistan oggi controllato dai talebani. Lo ha annunciato uno dei fondatori del movimento islamista, Noorduddine Turabi, che fu il famigerato ministro per la Promozione della virtù e la Prevenzione del vizio durante la prima esperienza di governo dei talebani negli anni Novanta. "Il taglio delle mani è estremamente necessario per la sicurezza", ha detto Turabi in un'intervista al'Ap ripresa dal Washington Post, aggiungendo che i nuovi padroni dell'Afghanistan stanno decidendo se eseguire queste punizioni in pubblico come facevano una volta, spesso davanti a folle negli stadi. "Nessuno ci dirà quali devono essere le nostre leggi", ha detto l'ex ministro, che ora dirige le carceri.

 

Nel corso dell'intervista, rilasciata a una giornalista, Turabi - che ha perso un occhio e una gamba nella guerra con i sovietici e che come altri ministri è sotto sanzioni Usa - ha spiegato che il nuovo governo talebano permetterà l'uso di tv, cellulari e media. "Questa è la necessità della gente e siamo seri su ciò - ha concluso - Ora sappiamo che invece di raggiungere solo centinaia di persone, possiamo raggiungere milioni". Intanto, in un'intervista a Sputnik, il portavoce dei talebani Zabihullah Mujahid, indicato come vice ministro dell'Informazione del "governo provvisorio", ha affermato che "gli Stati Uniti hanno lanciato più di un attacco equivoco che ha portato alla morte di civili, distrutto strutture sanitarie e provocato danni a case e moschee. Chiederemo risarcimenti".

 

Mujahid ha ricordato la morte di dieci civili, compresi sette bambini, in un raid americano durante gli ultimi giorni di evacuazioni da Kabul, prima del ritiro delle forze Usa e Nato. Il generale Kenneth McKenzie, a capo del Comando centrale Usa, ha riconosciuto che il raid era "stato deciso in base alla convinzione che avrebbe impedito una minaccia imminente contro le nostre forze e le persone che cercavano di essere evacuate attraverso l'aeroporto ma è stato un errore". Washington, "in quei giorni, con il suo intervento nella zona dell'aeroporto e a Kabul in generale, ha provocato la morte di civili, donne e bambini compresi", ha affermato, parlando di un crimine "contro l'umanità" e chiedendo "giustizia". "Lo denunceremo all'Onu e - ha aggiunto - presso altri organismi".

 



Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×