25 febbraio 2020

Treviso

Addio a Paolo Buzzavo. Diresse Stefanel e Iana

Una malattia l'ha strappato alla vita a 76 anni. Mercoledì i funerali

commenti |

commenti |

TREVISO - Una malattia con complicazioni che si sono aggravate nelle ultime settimane si è portata via ieri mattina, sabato, Paolo Buzzavo. Trevigiano, 76 anni compiuti lo scorso 14 agosto, era un personaggio molto noto in città, oltre che per i propri incarichi professionali (ha diretto aziende quali la Stefanel e la Iana), per i suoi trascorsi nella Canottieri Sile, tra i pescatori Sile. Era molto apprezzato per il suo animo generoso, verso tutti.

 

Grande appassionato della natura e degli insetti nonché pittore amatoriale, Buzzavo si era laureato all’università Ca’ Foscari di Venezia nel 1968, pagandosi gli studi insegnando in istituti superiori tecnici e suonando la chitarra in vari locali. 

 

La musica ha segnato tutta la sua vita, e anche di recente aveva suonato con vari amici, in particolare rock melodico.

 

figlio Leonardo è docente universitario alla Ca’ Foscari e la figlia Alessandra esercita la professione di avvocato in città da molti anni. Felicissimo dei suoi tre adorati nipoti (Martina, Brando e Ella), con la moglie Beppa, compagna di una vita, avrebbe festeggiato il prossimo anno il cinquantesimo anniversario di matrimonio.  Il fratello Giorgio è molto noto a Treviso per i suoi trascorsi nel mondo dello sport con le imprese delle squadre dell’orbita Benetton.

 

L’ultimo saluto a Paolo Buzzavo verrà dato mercoledì 3 ottobre alle ore 10.30 nella sala del commiato ‘Supremum Vale’ in via riccioli a S. Bona, con partenza da ospedale Ca’ Foncello alle ore 10.15.

 

Leggi altre notizie di Treviso
Leggi altre notizie di Treviso

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×