10 agosto 2020

Montebelluna

Addio allo scrittore Franco Zizola

Si è spento a 76 anni nella sua casa di Montebelluna

| Ingrid Feltrin Jefwa |

immagine dell'autore

| Ingrid Feltrin Jefwa |

Franco Zizola

MONTEBELLUNA – Questa notte è venuto a mancare Franco Zizola, scrittore e insegnante molto stimato in città. “Nato a Montebelluna il 2 settembre del 1943, Franco si è si è laureato all'Università Cattolica di Milano ed è stato insegnante di Italiano e Latino presso il Liceo scientifico Primo Levi – si legge in una nota divulgata dalla famiglia -. Le centinaia di studenti che lo hanno conosciuto ne ricordano la grande umanità, la libertà di pensiero, la sollecitazione a usare sempre la propria intelligenza e non accontentarsi mai di verità precostituite. Le sue capacità quasi istrioniche li catturavano durante le lezioni, che spaziavano con grande naturalezza dal passato al presente, quasi sempre citando “a braccio” i più svariati autori”.

Dopo l’esperienza scolastica, ha continuato il lavoro di divulgazione organizzando cineforum, dibattiti e incontri letterari e, soprattutto, ancora per molti anni ha fatto conoscere autori della letteratura italiana e mondiale all’affezionato pubblico dell’Università della Terza Età, di cui è stato socio fondatore nel 1988. Le sue esperienze scolastiche e di vita sono oggetto di molte opere di narrativa pubblicate nel corso degli anni: Il convittore (Rebellato 1968), La valle serena (Rebellato 1985), Il sogno di Orfeo (Zanetti, 1998); La chiave nel pozzo (Canova, 1998); La mano di Dio (Canal & Stamperia Editrice, 2000). Il 2002 è l’anno de Le favole di Isabella, sulla tragica storia della poetessa lucana Isabella Morra, vincitore del premio Parola di Donna della regione Basilicata. Dieci anni dopo, esce Ruber palus – Palo rosso, che Giorgio Barberi Squarotti ha definito “romanzo alacre, inventivo, gustosissimo, sapientissimo, per il piacere di lettori attenti e veri”.

“Negli ultimi anni aveva manifestato l’intenzione di approfondire temi legati al secondo dopoguerra e in generale al significato del dolore. Non gli è stato permesso dal progressivo aggravarsi del suo stato di salute – conclude la nota biografica -. I suoi scritti e i suoi libri rimarranno per sempre testimonianza di un uomo dal cuore buono che non è mai sceso a compromessi”. Lascia la moglie, Silvana Leggerini, che ha condiviso con lui tutta la vita in una storia iniziata tra i banchi del liceo ad Assisi e che è proseguita, dopo il periodo universitario, a Montebelluna dove sono nati i quattro figli Alessandro, Andrea, Maria Cecilia e Cristina. L’ultimo saluto a Franco avverrà giovedì 9 luglio, alle ore 10.00, nell’auditorium della biblioteca di Montebelluna, alla presenza dei suoi ex alunni che leggeranno alcune pagine dei suoi libri.

 



foto dell'autore

Ingrid Feltrin Jefwa

Leggi altre notizie di Montebelluna
Leggi altre notizie di Montebelluna

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×