28 febbraio 2020

Esteri

Accordo sul nucleare, Iran invia 11 tonnellate di uranio in Russia

commenti |

commenti |

Il presidente russo Putin assieme al capo di Stato iraniano Hassan Rouhani (Xinhua)

Undici tonnellate di uranio a basso arricchimento sono state spedite dall'Iran in Russia, mentre la Norvegia ha contribuito a verificare un carico di 60 tonnellate di uranio grezzo verso l'Iran, nell'ambito di un accordo internazionale sul programma nucleare di Teheran.

Lo ha detto il capo dell'Agenzia per l'energia atomica dell'Iran, Ali-Akbar Salehi. "Circa undicimila chili di uranio arricchito sono stati scambiati con 197mila chili di yellow cake", ha detto Salehi citato dall'agenzia di stampa Tasnim. Con 'yellow cake' si intende il prodotto finale dei processi di concentrazione e purificazione dei minerali estratti che contengono l'uranio.

In questo modo l'Iran ha enormemente impoverito una riserva di uranio che, se arricchito di maggiore purezza, avrebbe potuto essere utilizzato per lo sviluppo di armi nucleari.

La spedizione è parte di un accordo internazionale firmato il 14 luglio dall'Iran e dalle sei potenze mondiali - Gran Bretagna, Cina, Francia, Germania, Russia e Stati Uniti - per imporre limiti sul programma nucleare iraniano, in cambio della rimozione delle sanzioni economiche. Secondo l'accordo, l'Iran riceverà uranio naturale dalla Russia e dal Kazakistan per essere utilizzato nei reattori nucleari per la futura produzione di energia.

 

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×