14/08/2022velature lievi

15/08/2022pioviggine e schiarite

16/08/2022parz nuvoloso

14 agosto 2022

Treviso

Accoglienza profughi, il bando della Prefettura non piace al sindaco Conte: "Stiamo portando avanti percorsi con Caritas"

Il Comune di Treviso non firmerà la convenzione che prevede rimborsi ai gestori fino a 29 euro al giorno: "L'obbiettivo non è creare reddito a chi ospita"

| Isabella Loschi |

immagine dell'autore

| Isabella Loschi |

profughi ucraini

TREVISO - Il flusso dei profughi ucraini in arrivo nella Marca, e in tutta la regione, sta aumentando costantemente. Fino a ieri sono 1.254 le persone arrivate, la quasi totalità donne e bambini. Il trevigiano è il territorio che ne ha accolti di più in Veneto. E ora a far discutere sono le modalità di accoglienza. La maggior parte continua a trovare una sistemazione in casa di parenti e amici che vivono già qui. Per gli altri c’è l’accoglienza temporanea all’ex ospedale di Valdobbiadene, 100 posti a disposizione, dove è prevista la permanenza per cinque giorni, prima di indirizzarli verso altre sistemazioni. 

Divide, invece, il bando lanciato nei giorni scorsi dalla Prefettura di Treviso per l'affidamento dei servizi di gestione dell'accoglienza dei cittadini ucraini che arriveranno nella Marca. La Prefettura ha definito una convenzione con i comuni che consente di gestire l’accoglienza dei profughi in modo diretto e i costi sarebbero sostenuti dalla Prefettura. Sono previsti rimborsi di 24,57 euro al giorno a persona per l’accoglienza in appartamento e 29,30 euro al giorno a persona nel caso di accoglienza nei centri collettivi. Ma per diversi comuni la strada non è percorribile.

Il comune di Treviso ha già detto che non firmerà la convenzione
. “Non credo sottoscriverò l’accordo con la Prefettura - ha detto il sindaco Mario Conte - Non ci piace questa idea di accoglienza. Oggi ci sono esigenze e obbiettivi diversi per l’accoglienza che non è certo quella di creare reddito a chi ospita”. Tra le strade percorribili per Conte c’è quella con le Caritas: “Con la Caritas stiamo creando dei percorsi per accoglienze chi fugge dalla guerra che hanno caratteristiche diverse”.

 

Leggi anche:

Accoglienza profughi: la Prefettura di Treviso apre un bando per strutture fino a 50 posti

 


| modificato il:

foto dell'autore

Isabella Loschi

Leggi altre notizie di Treviso
Leggi altre notizie di Treviso

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×