31 marzo 2020

Vittorio Veneto

200 nuovi posti al Cesana Malanotti? Se ne parlerà solo nel 2019

Piani di zona "bloccati" fino alla fine del prossimo anno, la conferenza dei sindaci non può valutare la richiesta

| Roberto Silvestrin | commenti |

immagine dell'autore

| Roberto Silvestrin | commenti |

cesana malanotti 200 posti

VITTORIO VENETO - 200 nuovi posti al Cesana Malanotti? Se ne parlerà dal 2019. Perché i cosiddetti piani di zona già esistenti per le autosufficienze e le autosufficienze, che dovrebbero regolare la richiesta inoltrata dalla casa di riposo vittoriese, sono prorogati fino al 31/12/2018.

 

E fino a quel momento non possono essere modificati con l’introduzione di nuove richieste, compresa quella dell’ipab di via Carbonera.

 

“L’istanza del Cesana non può essere valutata ora – ha spiegato il neo presidente della conferenza dei sindaci, Sonia Fregolent – Normativamente non ci è data la possibilità di farlo, e quindi non possiamo accogliere la richiesta del Cesana Malanotti”.

 

La domanda da 200 nuovi posti potrà essere inserita, insieme ad altre, solo quando verranno modificati i piani di zona, in una nuova programmazione. Che però potrà essere stilata solo dal 1 gennaio 2019.

 

“Non è una volontà territoriale, ci dobbiamo muovere all’interno di un quadro normativo – continua Fregolent – In questo momento non si può nemmeno operare una scelta. I piani sono chiusi fino alla fine del prossimo anno”. Quindi la conferenza potrà valutare l’inserimento dei posti solo tra un anno. Rimangono congelati quindi anche i due interventi milionari a Ca’ Mocenigo e a Villa Papadopoli, le due sedi individuate dal Cesana per ospitare i nuovi posti letto.

 

L’ok della conferenza dei sindaci non è però nemmeno l’ultimo passo dell’iter, visto che la decisione finale – sulla richiesta della casa di riposo – spetta alla Regione.

 



foto dell'autore

Roberto Silvestrin

Leggi altre notizie di Vittorio Veneto
Leggi altre notizie di Vittorio Veneto

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×