13 luglio 2020

Montebelluna

“Stop tassa sui defunti”: striscione polemico in consiglio a Montebelluna

La protesta dei gruppi di minoranza per i costi del servizio affidato a Contarina

| Ingrid Feltrin Jefwa |

immagine dell'autore

| Ingrid Feltrin Jefwa |

Stop tassa sui defunti

MONTEBELLUNA – Protesta delle opposizioni in consiglio comunale con tanto di striscione in apertura di seduta, per denunciare la situazione venutasi a creare sul fronte dei servizi cimiteriali i cui costi sono oramai tali che le minoranze parlano di una vera e propria “tassa sui defunti”. A manifestare il dissenso sono stati: Davide Quaggiotto, Elisamaria Bressan, Loreno Miotto e Silvio Tessari (Pd-Il futuro è adesso) insieme a Francesco Bortignon e Fernanda Favotto (L’Alternativa Giusta) nonché Norma Marcuzzo (Consigliere indipendente).

“Le tariffe del servizio cimiteriale relative alle sepolture sono una vera e propria tassa sui defunti - dichiarano i consiglieri di minoranza spiegando il gesto compiuto durante il Consiglio comunale -. Per questo motivo all’inizio del Consiglio comunale abbiamo mostrato uno striscione in segno di protesta nei confronti della maggioranza che non ha la volontà di impegnarsi per risolvere questo problema. Inoltre, ricordiamo che in passato abbiamo più volte cercato di aprire un dialogo con l’amministrazione su questa grave problematica che tocca i cittadini, chiedendo la convocazione di una commissione al fine di ottenere dei chiarimenti e riportare le segnalazioni che molte persone arrabbiate ci hanno fatto pervenire. Tuttavia, non è mai stata convocata”.

I consiglieri proseguono poi dichiarando: “Per questo motivo ora chiediamo un impegno concreto da parte dell’amministrazione con lo scopo di ottenere una riduzione delle tariffe per i cittadini. Infatti, la maggioranza leghista ha dei poteri in merito perché approva le tariffe proposte da Contarina. Queste a loro volta vengono discusse e stabilite dall’assemblea dei sindaci del Consiglio Priula, e la maggior parte dei primi cittadini che compongono questo organo sono leghisti. Quindi l’amministrazione comunale ha tutte le carte in regola per intervenire su questo aspetto e la invitiamo a farlo tirandosi su le maniche per difendere i propri concittadini. Diversamente inviteremo i montebellunesi a mobilitarsi”.

Dito puntato quindi sulla maggioranza e in particolare sulla Lega. Quanto alle cifre che dimostrano l’alto costo del servizio sono presto dette: se nel 2012 la concessione cimiteriale di un loculo per 30 anni costava 1,694 euro nel 2018 è arrivato a 2.560 euro. Nel caso di un loculo concesso per 20 anni si è passati dai 1.071 euro del 2012 ai 1.707 del 2018 quindi per il rinnovo tombe (per 50 anni) il prezzo è passato dai 1.226 del 2012 a ben 2.845 euro del 2018. E questo non è che un aspetto del problema, poiché sono lievitati significativamente anche i costi a carico del Comune mentre i cittadini e anche i parroci lamentano un servizio non propriamente ineccepibile.

 



foto dell'autore

Ingrid Feltrin Jefwa

Leggi altre notizie di Montebelluna
Leggi altre notizie di Montebelluna

Dello stesso argomento

immagine della news

07/07/2020

Al parco Manin l’ultimo saluto a Zizola

Giovedì 9 luglio, alle ore 10 nel cuore verde della città i tanti estimatori del professore e scrittore Franco Zizola potranno salutarlo per l’ultima volta

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×