28/11/2021pioggia e schiarite

29/11/2021sereno

30/11/2021velature lievi

28 novembre 2021

Conegliano

“Sostenete le fasce più deboli della popolazione”: lettera aperta dei sindacati ai candidati sindaci

Inclusione sociale, politiche abitative, fiscali e migratorie, giovani, sostenibilità ambientale. Sono i temi che secondo la Cisl, unitamente alla Federazione dei Pensionati, devono necessariamente trovare posto nell’impegno amministrativo

|

|

“Sostenete le fasce più deboli della popolazione”: lettera aperta dei sindacati ai candidati sindaci

CONEGLIANO - Inclusione sociale, politiche abitative, fiscali e migratorie, giovani, sostenibilità ambientale. Sono i temi che secondo la Cisl, unitamente alla Federazione dei Pensionati, devono necessariamente trovare posto con progetti concreti nell’impegno amministrativo di chi verrà eletto sindaco alle elezioni amministrative del 3-4 ottobre. Il sindacato confederale guidato a livello territoriale da Massimiliano Paglini ha inviato una lettera aperta a tutti i candidati che aspirano alla poltrona di sindaco dei Comuni della Marca chiamati al voto. “Stiamo vivendo una fase storica inedita - scrive il segretario generale della Cisl Belluno Treviso nella lettera -: la pandemia ha stravolto abitudini sociali, cambiato il modo di relazionarsi, di lavorare, di amministrare, acuito il disagio sociale, la povertà e le disuguaglianze, penalizzando le classi meno agiate, i lavoratori e le lavoratrici con meno diritti e tutele, i precari, le donne, i giovani, le persone anziane, gli stranieri. Le elezioni amministrative sono un determinante momento partecipativo che ci auguriamo possa ravvivare nei cittadini il desiderio di esprimere le proprie idee, aspirazioni e progetti attraverso il voto, a dispetto della grande piaga che ha colpito anche le nostre città negli ultimi decenni: l’astensionismo”.

 

Ai candidati la Cisl chiede un impegno “costante e leale a confrontarsi con le parti sociali su temi di grande rilevanza: inclusione sociale, politiche abitative, fiscali e migratorie, giovani, sostenibilità ambientale”, ma anche sulla gestione delle ingenti somme da gestire che arriveranno nelle casse comunali grazie al Piano nazionale di ripresa e resilienza, definendo progetti che non siano solo distribuzione di valore, ma anche diffusione di valori propri del sindacato. Al centro, secondo il sindacato trevigiano, ci dovranno essere il buon lavoro, con politiche di sostegno alla economia, all’occupazione di qualità, alla sicurezza e alla prevenzione degli incidenti sul lavoro. Alle future Amministrazioni si chiede la garanzia di un impegno a sostenere le fasce più deboli della popolazione, con politiche per la famiglia, riduzione delle aliquote fiscali e attivazione della progressività, l’applicazione dell’Isee per una maggiore equità nei costi per i servizi ai cittadini, potenziamento dei servizi per l’infanzia per combattere il dramma dello spopolamento. “L’andamento demografico della nostra provincia - afferma Teresa Merotto della segreteria Cisl territoriale - è preoccupante: la popolazione è sempre più anziana e le nascite sempre meno numerose. Anche le Amministrazioni locali possono giocare un ruolo importante per sostenere la genitorialità con la rete degli asili nido e servizi per l’infanzia che siano efficienti, ma anche con politiche abitative che aiutino le giovani coppie a metter su casa, con affitti calmierati e incentivi. Allo stesso modo, chiediamo un impegno solidale nell’accoglienza e nella gestione della componente straniera della popolazione, parte integrante della nostra società, con l’attivazione di percorsi di integrazione sociale e formazione professionale che garantiscano la partecipazione attiva alla vita della comunità”.

 

Se da un lato sono più che mai necessarie serie iniziative per i giovani, dall’altro va potenziata la rete di servizi sociali a sostegno della popolazione anziana, “rafforzando la rete di assistenza domiciliare - aggiunge il segretario generale della Fnp Belluno Treviso Franco Marcuzzo - investendo su progetti di invecchiamento attivo e promuovendo una fitta collaborazione e integrazione con la Ulss e le case di riposo. L’appello che facciamo a tutti i candidati è univoco: non lasciate soli gli anziani, in primis quelli non autosufficienti. È una fascia della popolazione che ha patito più di altre l’isolamento imposto dal Covid e oggi più che mai va sostenuta nella difficoltà e riaccompagnata nella socialità”. Infine la questione ambientale, con la richiesta che la forte ripresa dell’edilizia e l’arrivo nella Marca di nuovi insediamenti produttivi e logistici e la realizzazione di infrastrutture non vadano a discapito della sostenibilità e della sicurezza, aspetti sui quali “il Comune ha il dovere di vigilare e di intervenire, anche con appositi Protocolli che coinvolgano le parti sociali”. “Auguriamo - concludono i segretari - a tutti i candidati una campagna elettorale corretta e leale e di mantenere al centro della loro azione politica il bene comune e il benessere sociale che in prima istanza si realizza attraverso il ‘prendersi cura’ delle comunità che saranno chiamati a rappresentare”.

 



Leggi altre notizie di Conegliano
Leggi altre notizie di Conegliano

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×