04 giugno 2020

Castelfranco

“Si approfitti della città deserta per sanificare i luoghi pubblici”

La consigliera comunale d’opposizione chiede all’Amministrazione comunale d’intervenire

| Ingrid Feltrin Jefwa | commenti |

immagine dell'autore

| Ingrid Feltrin Jefwa | commenti |

Sanificazione a Castelfranco

CASTELFRANCO VENETO – “Mentre la città è bloccata per l’emergenza Coronavirus non dobbiamo perdere l’occasione per avviare interventi di sanificazione, disinfezione e igienizzazione strade, marciapiedi, portici, aree verdi e in generale sugli spazi pubblici”: è quanto scrive la consigliera comunale Grazia Azzolin, in una lettera aperta all’Amministrazione comunale. A dire il vero qualcosa è stato fatto in città, dove i vigili del fuoco hanno sanificato le vie del centro ma Azzolin pensa ad un intervento più vasto per Castelfranco.

“Sollecitata anche da diversi cittadini lancio un appello all’Amministrazione affinché Castelfranco venga rimessa in moto, cogliendo il momento di stallo forzato per i cittadini e le attività produttive come un periodo in cui tirare a lustro la nostra città. Memore dei lunghi mesi in cui si sono protratti i lavori pubblici in borgo Pieve e in via Riccati chiudendo le strade e causando tanti danni ai nostri commercianti, sarebbe auspicabile anche che si realizzassero ora i necessari lavori pubblici in programma che in altri tempi avrebbero causato danni alle nostre attività produttive in questo periodo invece chiuse per rispetto delle vigenti normative”.

Quindi prosegue: “So che nella vicina Montebelluna si sta approfittando di questo momento di stallo per eseguire i lavori pubblici con la massima agilità senza creare disturbo ai cittadini e agli imprenditori. Purtroppo le ultime indagini sul Coronavirus ci dicono anche che il virus persiste molto di più nell’aria e nell’ambiente di quanto era stato inizialmente ipotizzato. Nelle prossime due settimane, prima che arrivi il caldo e le persone inizino a tenere le finestre aperte e a stare più tempo nei giardini privati di casa, dovremmo concentrare le energie sulla sistemazione degli spazi pubblici, strade, marciapiedi, portici del centro e frazioni, incluse le aree verdi, incaricando gli addetti che, opportunamente protetti e a distanza di sicurezza, senza nessun cittadino in giro, potrebbero lavorare più agilmente”.

Secondo Azzolin, in questo delicato momento potrebbe essere importante considerare tra le aree da “bonificare” da virus anche altre zone molto frequentate: “Questa è anche l’occasione per avviare finalmente interventi di pulizia e manutenzione sul Sentiero degli Ezzelini ora inaccessibile ai cittadini, provvedendo anche ad una sempre più urgente sanificazione del sottopasso ferroviario da troppo tempo in condizioni indecorose. Una città ripulita, in ordine e accogliente potrà rendere questo “cambiamento sociale” maggiormente accettabile”.

 



foto dell'autore

Ingrid Feltrin Jefwa

Leggi altre notizie di Castelfranco
Leggi altre notizie di Castelfranco

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×