22 settembre 2021

Treviso

“Le parole possono far male: ferite non visibili ma difficili da rimarginare”

EDITORIALE - Nella Giornata contro l'omofobia, la bifobia e la transfobia qualche doverosa riflessione sull’importanza dell’utilizzo consapevole delle parole

| Manuel Trevisan |

immagine dell'autore

| Manuel Trevisan |

Giornata mondiale contro l'omofobia, la bifobia e la transfobia

EDITORIALE – Oggi, lunedì 17 maggio, è la Giornata Mondiale contro l'omofobia, la bifobia e la transfobia.

Questa Giornata, istituita nel 2004 con l’obiettivo di promuovere eventi nazionali e internazionali di sensibilizzazione sulla tematica, oggi più che mai deve avere larga risonanza nel nostro Paese: la discussione sul Ddl Zan, infatti, è stata la grande protagonista nel dibattito pubblico dell’ultimo periodo.

Il disegno di legge dell’onorevole Zan, in linea con quanto si celebra oggi, ha come obiettivo quello di “prevenire e contrastare le discriminazione e la violenza per motivi fondati sul sesso, sul genere, sull'orientamento sessuale, sull'identità di genere e sulla disabilità”.

Un disegno di legge che diventa necessario in un Paese in cui ancora troppi si rivelano i casi di discriminazione legati all’orientamento sessuale – si ricorda quello drammatico della 22enne Malika – ma che sta trovando le resistenze di alcune parti politiche.

Senza entrare nei dettagli tecnici della legge, porre l’accento sulla necessità di creare una cultura inclusiva volta ad eliminare le discriminazione è utile, soprattutto in un paese come l'Italia dove ogni 3 giorni si registrano aggressioni omofobe.

Per riuscire in questo difficile cambio di paradigma, è necessario iniziare a comprendere che le parole hanno un peso e che non vanno utilizzate con leggerezza o in modo inconsapevole, che non basta “riderci su” - come si è cercato di far passare in qualche recente trasmissione televisiva.

Le parole hanno il potere di definire, di creare realtà, pertanto vanno scelte con cura. Ed è per questo che è fondamentale una legge che vada a regolamentare non ciò che si può pensare – come alcuni sostengono erroneamente – bensì il fatto che la libertà di espressione non possa in alcun modo travalicare, con le parole, il confine della discriminazione e della violenza.

L’intervento di Fedez al concertone del primo maggio che ha creato tante polemiche, ha avuto il merito di mettere in risalto proprio questo cruciale aspetto: l’utilizzo leggero delle parole discrimina, crea un muro invalicabile tra “noi” e tutto ciò che non si vuole includere in “noi”.

E quindi, finché non si approverà una legge inclusiva e di civiltà, frasi come quelle di seguito riportate non solo rimarranno impunite, ma anche accettate: "se avessi un figlio gay lo brucerei nel forno", "i gay sono una sciagura per la riproduzione", "il matrimonio gay porta l'estinzione della razza".

 

 

 

 


| modificato il:

foto dell'autore

Manuel Trevisan

Leggi altre notizie di Treviso
Leggi altre notizie di Treviso

Dello stesso argomento

immagine della news

07/07/2021

Ddl Zan al Senato il 13 luglio

Bocciato il rinvio del testo della legge alla settimana del 22 luglio. Letta: "I voti ci sono, approviamolo"

immagine della news

27/06/2021

BUONA DOMENICA Libera Chiesa in libero Stato

L'intervento del Vaticano sul Ddl Zan ha fatto gridare allo scandalo. Persino Fedez. Si chiede di annullare il Concordato. Che però garantisce proprio la laicità dello Stato.

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×