05/02/2023poco nuvoloso

06/02/2023nubi sparse

07/02/2023sereno

05 febbraio 2023

Cronaca

“Frittelle solo ai bimbi italiani”. Scoppia il putiferio e il consigliere annulla tutto

| Stefania De Bastiani |

immagine dell'autore

| Stefania De Bastiani |

“Frittelle solo ai bimbi italiani”. Scoppia il putiferio e il consigliere annulla tutto

Giorgia Meloni

Non saranno consegnate frittelle ai gratis ai bambini italiani, venerdì, al luna park di Mantova. L’idea del consigliere di Fratelli d’Italia Luca De Marchi di regalare il dolce tipico mantovano solo ai piccoli nati da genitori italiani, non è piaciuta a nessuno. Ha aborrito all’idea pure il presidente del partito di De Marchi, Giorgia Meloni, che in una nota ha dichiarato: "Mi dissocio nella maniera più categorica dall’iniziativa presa dal consigliere de Marchi a Mantova, che lede l'immagine di Fratelli d’Italia. Il consigliere la annulli immediatamente e porga scuse pubbliche o saremo costretti a prendere provvedimenti nei suoi confronti".

 

De Marchi, sul proprio profilo Facebook, è stato subissato di commenti negati e insulti, anche pesanti. Il consigliere si è preso dello “schifoso” (per utilizzare uno dei migliori epiteti con cui è stato apostrofato) un po’ ovunque, sul web. E in meno di 12 ore da quello che egli credeva sarebbe stato un annuncio gradito, si è visto costretto ad annullare il tutto. E ha pure chiesto scusa, come la Meloni gli aveva caldamente consigliato di fare.

 

Dopo le polemiche, e per non essere escluso anche da Fratelli d'Italia (era già stato cacciato da Casa Pound per aver partecipato a un Gay Pride), De Marchi ha fatto dietro front. “Annullo tutto ma vorrei che non si dimenticasse la mia storia – ha dichiarato De Marchi alla stampa locale - Sono dieci anni che aiuto tutte le settimane famiglie italiane in difficoltà. E sono cinque anni che distribuisco frittelle al luna park. Ho sempre detto ‘solo ai bambini italiani’, ma potete chiedere a tutti che nessun bambino andava via senza il suo dolce, anche i tanti stranieri che venivano”.

 

Insomma, sembra che De Marchi non si sarebbe mai permesso di dire a un bambino di origini marocchine che non poteva mangiare la frittella perché sua madre era nata in un altro paese. Ma ha pensato che, far credere che lui sapesse fare il duro anche, ad esempio, con una bambina di 4 anni, portasse consenso. E invece.

Invece se ne è prese tante che non vorrà nemmeno più sentirle nominare, le frittelle.

 



foto dell'autore

Stefania De Bastiani

SEGUIMI SU:

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×