26 gennaio 2021

Mogliano

“Addolciamo l’autismo”: un progetto di biscotti e inclusione

Nell’istituto Costante Gris di Mogliano si trova un laboratorio di pasticceria condotto da Stefania Ruggero

| Manuel Trevisan |

immagine dell'autore

| Manuel Trevisan |

Addolciamo l'autismo

MOGLIANO – Entrare nel laboratorio “addolciamo l’autismo” nel periodo natalizio è un’esperienza dal carattere fiabesco: accolti da 6 ragazzi autistici, seguiti dai volontari dell’Associazione Onlus ANGSA (Associazione Nazionale Genitori Soggetti Autistici) presieduta da Stefania Ruggiero, ci si immerge in un tour tra biscotti, torte, panettoni e decorazioni natalizie.

Il progetto ha l’intento di includere ragazzi autistici che, dopo le scuole superiori, non hanno nessuna possibilità di inserimento nel mondo del lavoro e di integrazione sociale. Ecco che Alberto, Andrea, Daniele, Nicolò e Riccardo, sei meravigliosi ragazzi che hanno completato il ciclo di studi presso istituti alberghieri trevigiani, hanno trovato nella pasticceria una possibilità. Stefania Ruggiero ci racconta la sua storia di resilienza e coraggio che può e deve essere fonte di ispirazione, per iniziare ad aprire lo sguardo.

Come è nata l’idea di “addolciamo l’autismo”?
Tutto nasce da un’esperienza personale difficile: la nascita di mio figlio Alberto, che abbiamo poi scoperto essere affetto da autismo. È un’esperienza forte e di grande responsabilità. Il progetto infatti ha l’intento di fornire supporto non solo ai ragazzi autistici ma anche alle loro famiglie. Abbiamo iniziato in pochi e in un piccolo spazio ma poi abbiamo visto che il progetto funzionava e ci siamo allargati, fino a finire in questo nuovo laboratorio inaugurato circa un anno fa.

Cosa fate nel vostro laboratorio?
Questo spazio nasce con la volontà di creare un ambiente positivo e ricco di stimoli per mettere nelle condizioni tutte le persone che lo abitano, non solo i ragazzi autistici ma anche volontari e chiunque passi di qui, di poter tirare fuori il meglio di sé. Siamo una squadra. Lavoriamo in un’atmosfera familiare per creare biscotti e altri prodotti di pasticceria.

Qual è il punto di forza dei vostri biscotti?
Innanzitutto, che sono fatti da ragazzi speciali, in tutti i sensi. Sono persone che danno molto a livello umano e vederli lavorare per me è fonte di gioia. Poi utilizziamo solo materie prime biologiche di alta qualità. Io sono nata a Brindisi e infatti utilizziamo una varietà di grani antichi coltivati in Puglia, macinati freschi e trasportati entro 24 ore dalla macinatura.

E poi i biscotti che create dove finiscono?
Devi sapere che noi siamo un’Associazione che vive grazie alle donazioni. Così possiamo portare avanti il nostro progetto. I nostri prodotti vengono consegnati a scuole, bar, ortofrutta, empori, enoteche e a chiunque voglia sostenere la causa. Inoltre, molto importanti sono le giornate aperte alla cittadinanza.

In cosa consistono queste giornate?
Sono degli eventi in cui esponiamo i nostri prodotti a tutta la cittadinanza, apriamo le porte del nostro laboratorio. Queste occasioni nascono anche con l’intento di sensibilizzare le persone sul tema autismo: tutti devono capire che i ragazzi autistici possono vivere una vita degna se sono messi nelle condizioni di farlo. Basta dare loro un’opportunità.

Se volete seguire i lavori proposti dal laboratorio o semplicemente volete assaggiare i loro meravigliosi biscotti, ecco dove trovarli:
www.addolciamolautismo.it
https://www.facebook.com/Addolciamo-lAutismo-1981217095303701/

 

 


| modificato il:

foto dell'autore

Manuel Trevisan

Leggi altre notizie di Mogliano
Leggi altre notizie di Mogliano

Dello stesso argomento

immagine della news

31/12/2020

Buon 2021: gli auguri dai sindaci della Marca

Gli auguri da: Treviso, Castelfranco, Vittorio Veneto, Montebelluna, Conegliano, Mogliano, Asolo, Pieve di Soligo, Oderzo, Motta di Livenza, Pieve del Grappa, Valdobbiadene e Ponte di Piave

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×