27/11/2021parz nuvoloso

28/11/2021nubi sparse e rovesci

29/11/2021sereno

27 novembre 2021

Vittorio Veneto

“Il Comune chiede i danni, ma la Corte dei Conti aveva già chiuso il caso"

La nota diffusa dal circolo vittoriese del Partito Democratico

|

|

“Il Comune chiede i danni, ma la Corte dei Conti aveva già chiuso il caso

VITTORIO VENETO - “Il Comune chiede i danni, ma la Corte dei Conti aveva già chiuso il caso. E’ successo all’ex giunta Tonon, che si era vista recapitare l’informativa, da parte del Comune, che vi era in corso un procedimento pendente per danno erariale, che in realtà era già stato archiviato un anno prima”. E’ quanto si legge in una nota diffusa dal circolo vittoriese del Partito Democratico.

 

“La vicenda inizia alla fine del 2019, quando l'ispettorato generale di finanza del MEF aveva aperto un fascicolo per accertare alcune regolarità procedurali nei confronti del Comune di Vittorio Veneto emerse nel corso della verifica amministrativo-contabile svolta nella primavera dell’anno precedente. Le Giunte interessate erano quella Da Re e Tonon e le osservazioni che furono mosse erano molteplici, sia in relazione al personale del Comune sia all’attribuzione di incarichi esterni, in parte superate già tra il 2018 e il 2019 in seguito alle repliche del Comune di Vittorio Veneto”, si legge ancora nel comunicato. L’unico rilievo che, a fine 2019, il ragioniere generale dello Stato imputava ancora alla giunta Tonon era un incarico (9.760 euro) attribuito nell’ambito del contenzioso relativo a Piazza Meschio.

 

“Per tale rilievo pendeva quindi alla Corte dei Conti un procedimento – continua il circolo del Pd -. A febbraio 2021, dopo oltre un anno dalla comunicazione del MEF, il Comune di Vittorio Veneto ha inviato ai componenti della Giunta Tonon una diffida con formale costituzione in mora per l’importo in contestazione. Praticamente un anno prima, però, a marzo 2020, la Corte dei Conti aveva già archiviato il caso, affermando che, da un lato, la configurazione e dimostrazione del danno a carico della finanza pubblica “appaiono più che ardui”, dall’altro che la particolarità del tema oggetto della consulenza induce a pensare a un ristrettissimo numero di professionisti in grado di prestarla. In questi giorni la notizia dell'archiviazione di marzo 2020 è stata comunicata agli interessati dal Comune, che pure ne aveva notizia ufficialmente da quasi 3 mesi”.

 

“Perché allora, prima di spedire oltre un anno dopo la comunicazione del procedimento la relativa diffida, il Comune non ha verificato prima lo stato del procedimento? - chiedono dal circolo del Pd - Perché lasciare intendere che la Giunta Tonon abbia agito nel corso del suo mandato con irregolarità quando in realtà ogni dubbio era già stato chiarito? Perché non si è comunicato tempestivamente agli interessati che il caso era stato chiuso?” OT

 


| modificato il:

Leggi altre notizie di Vittorio Veneto
Leggi altre notizie di Vittorio Veneto

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×