13 luglio 2020

Castelfranco

“Il comune cancelli subito il Cosap per marzo e aprile!”

Grazia Azzolin chiede all’Amministrazione di cancellare il canone per i mesi in cui i commercianti sono stati inattivi per il Covid

| Ingrid Feltrin Jefwa |

immagine dell'autore

| Ingrid Feltrin Jefwa |

Grazia Azzolin

CASTELFRANCO – Il Cosap o meglio il canone occupazione spazi e aree pubbliche generalmente dovuto al Comune per occupazioni occasionali (diversamente dalla Tosap) è stato oggetto di un’interrogazione urgente di Grazia Azzolin che spiega: “Nei mesi di marzo e aprile i titolari e gestori di bar, ristoranti e albergatori sono stati costretti a chiudere le proprie attività per l’emergenza Covid 19, perdendo gli incassi e non potendo usufruire degli spazi esterni. Ciononostante, il Comune ha chiesto tramite Abaco i versamenti delle imposte relative alle occupazioni di suolo pubblico, anche per il periodo della chiusura forzata. L’unica concessione è stato lo slittamento del versamento a fine settembre”.

Un canone che Azzolin reputa ingiusto da versare in un periodo in cui tutte le attività erano soggette a decreto di chiusura per l’emergenza sanitaria data dalla pandemia di Coronavirus. “Considerato che la ripartenza viene affrontata dai nostri imprenditori con enormi sforzi e continui investimenti (sanificazioni, igienizzazioni ecc.) dopo aver avuto le casse vuote per oltre due mesi, ricordando – incalza Azzolin - l’importanza del ruolo delle nostre attività fondamentale per la rivitalizzazione della città, ho chiesto con un’interrogazione urgente di prevedere delle misure specifiche per supportare e sostenere la ripresa degli esercenti ed imprenditori: servono contributi da parte del Comune, che azzerino la COSAP durante i mesi di chiusura”.

Azzolin quindi conclude affermando che i margini per intervenire da parte dell’Amministrazione comunale ci sono, poiché ci sono a disposizione: “2 milioni 629mila euro per ampliare le previsioni di bilancio preventivo 2020: prendiamo spunto dagli esempi virtuosi che abbiamo nei Comuni limitrofi, alcuni dei quali hanno previsto un contributo pari al doppio della spesa complessivamente sostenuta per l’anno 2019 a titolo di tassa comunale di pubblicità permanente e/o tassa di occupazione suolo pubblico, ideando e attivando un “Bonus”. È chiaro che ogni Comune deve individuare le misure più opportune per il proprio territorio in base alle specifiche peculiarità, ma qualcosa va fatto, e subito. Non possiamo permetterci di rimanere ad aspettare ed essere sempre in ritardo”.

 



foto dell'autore

Ingrid Feltrin Jefwa

Leggi altre notizie di Castelfranco
Leggi altre notizie di Castelfranco

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×