09/02/2023sereno

10/02/2023velature lievi

11/02/2023poco nuvoloso

09 febbraio 2023

Spettacolo

‘Odio il Natale’, il 7 dicembre su Netflix la prima serie natalizia ambientata in Veneto

Pilar Fogliati protagonista della love comedy tutta ambientata nella laguna veneta

| AdnKronos |

| AdnKronos |

Pilar Fogliati

Arriva il 7 dicembre con il volto di Pilar Fogliati e con la produzione di Lux Vide la prima serie natalizia tutta italiana ad approdare su Netflix, in tutti i Paesi in cui il servizio è attivo, con un’ambientazione nella laguna veneta che ne aiuterà il percorso internazionale. Si tratta di ‘Odio il Natale’, una commedia romantica in 6 episodi, che vede l’attrice (già nel cast di tanti successi televisivi, da ‘Un passo dal cielo’ a ‘Cuori’) alle prese con la ricerca dell’amore per il momento più critico dell’anno, quello dei giorni che precedono la cena di Natale con la famiglia.

 

Pilar Fogliati è la protagonista Gianna che, appunto, odia il Natale. "Perché - spiega l'attrice - il periodo delle feste è inevitabilmente quello in cui traccia un bilancio e incontra la famiglia, impaziente di sapere se ci sono novità nelle sua vita, soprattutto sentimentale. Anche io che a fine dicembre compirò 30 anni e che ho un fidanzato, so già che a Natale mi verrà chiesto: perché non ti sposi?", sorride. Gianna realizza così che le sue tre amiche e un lavoro da infermiera che le piace non basteranno per difendersi dalle domande dei parenti e decide che alla cena della vigilia arriverà accompagnata.

 

Ha 24 giorni per capire chi sarà con lei: 24 giorni, "perché era carino associarlo al calendario dell'Avvento", che Gianna trascorrerà su e giù per i ponti di Chioggia e le calli di Venezia, tra appuntamenti al buio, sbagli colossali, notti di sesso e pianti con le amiche. 24 giorni per arrivare alla conclusione che non è il Natale a giudicarla, ma è lei stessa. E che l’amore è a portata di mano, basta saperlo vedere e accettare la vita per quel percorso imperfetto e pieno di imprevisti che è

 


| modificato il:

AdnKronos

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×