23 agosto 2019

Vittorio Veneto

Vigneto vicino all'asilo, il comune diffida la proprietà

Il capogruppo Pd Dus: "Non intendiamo indietreggiare di un millimetro sulla questione della salute pubblica"

Roberto Silvestrin | commenti |

Immagine di repertorio

 

VITTORIO VENETO - Anche il comune si è mosso sulla questione del (possibile) vigneto vicino all’asilo di San Giacomo. Ha infatti emesso una diffida nei confronti della proprietà del terreno: come ha spiegato il capogruppo Pd Marco Dus, si tratta di una “diffida dal piantare il vigneto senza un previo contratto di pubblica utilità”.

 

La diffida riguarda l’area F2 del terreno, destinata ad attrezzature pubbliche o ad uso pubblico. L’amministrazione è intenzionata a concedere, al massimo, un vigneto sociale, che dia spazio – per esempio – a persone con disabilità in progetti di agricoltura. Sempre che non vada in porto la permuta proposta con un altro terreno.

 

La giunta, il mese scorso, aveva approvato un atto di indirizzo, con cui deliberava che “l’impianto di nuovi vigneti e in generale di arboreti in Zona F è subordinato alla previa sottoscrizione di convenzione che ne disciplini la sua funzione di interesse generale per la collettività”.

 

Tocca alla Regione ora pronunciarsi sul tema. Ieri intanto i lavori di aratura sono partiti, nel terreno adiacente all’asilo. Dopo la protesta dei genitori, che continua da mesi, è arrivato anche l’appello del consigliere regionale Pd Andrea Zanoni: “Altri 23mila metri quadri destinati al Prosecco a ridosso di una struttura con circa 70 bambini. Sono genitore anch’io e capisco le loro preoccupazioni, che in realtà sono di tutti i residenti: è una coltura impattante con abbondante uso di pesticidi. La petizione promossa da Comune, Comitato di quartiere di San Giacomo di Veglia e movimento Marcia Stop Pesticidi ha raccolto oltre 1.400 firme tra cui alcuni produttori di vino della zona a dimostrazione di come sia un tema sentito”.

 

Lo stesso consigliere si è detto d’accordo con l’annuncio della diffida “utile a scongiurare l’impianto del vigneto senza che l’intervento sia concordato con il Comune”. A breve – chiarisce Dus – è prevista la convocazione di un tavolo tecnico. “Siamo molto fermi e non intendiamo indietreggiare di un millimetro sulla questione della salute pubblica”, ha annunciato il capogruppo.

 



foto dell'autore

Roberto Silvestrin

Leggi altre notizie di Vittorio Veneto

Commenta questo articolo


Leggi altre notizie di Vittorio Veneto

Dello stesso argomento

immagine della news

03/05/2019

“La Lega ha preso in giro i cittadini”

Andrea Zanoni consigliere reginale del Pd si schiera dalla parte del gruppo Difendiamo il nostro ospedale e anche la Cgil aderisce alla manifestazione di protesta che si terrà domenica

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×