20 gennaio 2020

Conegliano

"Vietare il meteo e non dare cittadinanza ai bambini"

Per Zaia "Qui splende sempre il sole". E quello che conta, per essere italiani, è "il sangue"

commenti | (11) |

commenti | (11) |

CONEGLIANO - Il presidente del Veneto, Luca Zaia, oggi a Conegliano per la firma del protocollo per il Ponte di Vidor, ha rilanciato l'invito ai meteorologi a "oscurare le previsioni sul Veneto". "Vista l'impossibilità di avere previsioni certe - ha dichiarato Zaia - e vista la non disponibilità degli esperti di dichiarare la percentuale di errore nelle loro previsioni, per il Veneto secondo me dovremmo arrivare ad un accordo in base al quale nei bollettini meteorologici la regione stessa sia oscurata". "Qui per noi c'è sempre il sole - ha concluso- a togliercelo sono i meteorologi".

 

Oltre che contro i meteorologi, il presidente si è scagliato contro la proposta di legge che prevede la cittadinanza italiana per i bambini nati in Italia da genitori stranieri. A detta di Zaia, il fatto di nascere e crescere in Italia, e non conoscere spesso altro paese che questo, non è sufficiente per avere il diritto alla cittadinanza. Quello che conta, secondo il presidente, è il sangue.

Zaia ha detto di essere contrario in prima battuta alla proposta di introdurro lo ius soli quale requisito, perchè "in un paese come l'Italia, che è un colabrodo per la vicinanza a paesi extraeuropei, diventerebbe un problema di gestione".

"Come accade in quasi la totalità dell'Europa - ha aggiunto - io sostengo lo ius sanguinis. Non ho alcuna contrarierà al fatto che un cittadino immigrato abbia la nazionalità italiana, ma che ce l'abbia sulla base di presupposti oggettivi ad esempio l'esame della lingua italiana e la conoscenza del nostro territorio perchè noi gli stiamo consegnando la patente di italiano". "Denuncio il fatto - ha concluso Zaia - che da alcuni mesi, per quanto a mia conoscenza, non si svolge più nemmeno l'esame di lingua italiana, è sufficiente inviare un plico di documentazione, e noi non sappiamo se stiamo dando la cittadinanza a persone che siano almeno in grado di esprimersi in italiano".

 

PARTECIPA AL SONDAGGIO DI OGGITREVISO

 

 

 

Leggi altre notizie di Conegliano
vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×